Ricorso respinto, disagi per la potenziale chiusura del servizio di logopedia 



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Lecce Nei Marsi – Respinto il ricorso di Aratari che aveva chiesto l’annullamento della delibera in cui l’amministrazione comunale “diffidava” a ripristinare l’originaria destinazione in uso agricolo dell’immobile in cui insiste la struttura sanitaria Medisalus. Ora si evidenzia uno dei problemi se non il più grande problema che ne scaturisce e riguarda la chiusura del servizio di logopedia  che i bambini seguono da anni. Prestazioni di neuromotricità con l’agevolazione 104 e un servizio extra-morale che il centro portava a fare terapia a scuola.

Oggi tutti questi bambini di tutta la Marsica est Lecce nei Marsi, Ortucchio, Aschi, Gioia dei Marsi, Sperone, San benedetto, Venere e Pescina, difficilmente troveranno sostegno in quanto i due centri di Avezzano, il Centro Polio, l’Anes e il centro di Capistrello sono a numero chiuso ed è molto problematico trovare posti.

Un declassamento quello della Medisalus che purtroppo sta portando disagi a molte famiglie che pur volendo, non possono “permettersi” i 45 minuti di distanza per accompagnare e poi riprendere i propri figli in un altro centro.