Regione, Febbo: Un bilancio acefalo, frutto di un accordicchio con i ribelli



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’AQUILA – “Stiamo votando un bilancio acefalo frutto di tasse, ticket e di un accordicchio per spiegare a due assessori le proprie deleghe. Credo che l’Abruzzo meritasse altro” – questo il commento del consigliere di Fi, Mauro Febbo.
“Va registrato un dato politico rilevante: l’altro ieri il numero legale è stato garantito da un consigliere della minoranza e ieri, per ore ed ore, i lavori sono proseguiti senza il numero legale. Ma la cosa grave è accaduta alle ore 16 quando due dei tre “ribelli” entrano in aula e danno la possibilità di avere la maggioranza sottoscrivendo un accordicchio col quale viene spiegato a due assessori quali siano le loro deleghe.  Persino il presidente della commissione Sanità, settore particolarmente attenzionato tenendo conto del fatto che, dopo l’uscita dal commissariamento, la maggior parte delle voci del bilancio sono ad esso rivolte, chiede di essere lui stesso coinvolto”.
“Siamo molto preoccupati – conclude Mauro Febbo – visto che questo bilancio non ci soddisfa tanto per l’assenza di programmazione e risorse per comparti cruciali per l’economia abruzzese quanto per i modi in cui viene gestito dalla stessa maggioranza”.




Lascia un commento