Niente riprese al consiglio comunale, interviene il sindaco De Angelis: “Ci sono le norme da rispettare”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Lecce nei Marsi. Sulla vicenda dell’allontanamento dall’aula consiliare di un operatore tv di Antenna2, durante il consiglio a Lecce nei Marsi, interviene il sindaco Gianluca De Angelis.

Per fare la ripresa audio video devono fare una richiesta. La legge parla di 12 ore prima. La richiesta è stata protocollata ieri mattina alle dieci e mezza e quindi io non l’ho accettata. Qui ci sono i poteri del presidente del consiglio comunale che decidono e noi non l’abbiamo accettata. Discutiamo sempre su questo punto, sono già 4/5 volte che accade. Io ho detto: Rispettate le norme.

Sindaco, per presenziare al consiglio comunale era stata inviata una nota (dall’opposizione) ai giornalisti locali con un invito ad arrivare a Lecce. L’operatore è venuto ma non ha potuto lavorare?

L’altro giorno il Comune era chiuso, c’è stata la festa del 25, la segreteria l’ha protocollata ieri mattina. Io non ci posso fare nulla. Ci vogliono 12 ore. Io non ho cacciato fuori nessuno. Quel ragazzo non si è qualificato. Io gli ho chiesto chi sei. Mi ha detto Antenna2, ho chiesto il tesserino ma non mi ha dato nulla. Gli ho detto che se voleva sedersi poteva farlo ma doveva spegnere la telecamera. Non capisco tutto questo clamore.

 

Consiglio comunale a Lecce nei Marsi, Favoriti: “Il sindaco ha cacciato dall’aula il cameraman di una tv”




Lascia un commento