Nevicate “marzoline” imbiancheranno la Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Salve e ben ritrovati al consueto aggiornamento di approfondimento di Meteorologia.

Meteo Marsica

Nelle giornate di martedì e di mercoledì, grazie all’esaurimento della zona di bassa pressione, ci sarà solo un temporaneo miglioramento del tempo, perché, nel corso della giornata di giovedì, l’Anticiclone delle Azzorre proiettato sull’Atlantico, si estenderà modestamente lungo il meridiano di Greenwich, facendo sì che, da una profonda area di bassa pressione in spostamento verso est, scaturisca un fronte instabile seguito da masse d’aria moderatamente fredda di origine artico-marittima, queste ultime responsabili di un nuovo peggioramento del tempo sulle regioni di nord-est e sulle regioni centrali e meridionali adriatiche, con possibili sconfinamenti verso i settori occidentali e quindi anche verso il nostro territorio marsicano, ove le nuvole nembostrati accompagneranno rovesci di pioggia, localmente intensi. Le nubi cumulonembi appartenenti al fronte, durante il loro passaggio, trasporteranno l’aria più fredda verso le quote basse, nonché, l’intensità delle precipitazioni, la mulinerà repentinamente insieme alle tese correnti settentrionali, cosicché, la pioggia, nella giornata di giovedì, si trasformerà in neve fino a quote comprese tra gli 800 e i 700 m. Tuttavia, si tratterà di rovesci di neve cosiddetta “bagnata”, ovvero i fiocchi conterranno più tracce di acqua allo stato liquido, perciò non vi saranno importanti accumuli. Ancora condizioni di spiccata variabilità nella giornata di venerdì e nel fine settimana, attraverso nuvole associate a rovesci e ampie, nonché momentanee schiarite

Evoluzione del tempo

Nel corso delle prossime ore, su tutto il nostro territorio marsicano regneranno i venti di Maestrale che, a differenza dei miti e umidi venti di Scirocco richiamati dalla profonda area depressionaria, saranno decisamente più freddi e presenteranno anche caratteristiche instabili, tutto a causa del vortice di bassa pressione che, muovendosi molto lentamente verso levante, dunque essendo per lo più recalcitrante per via della presenza di un’area di alta pressione che frena la sua andatura, si approfondirà molto lentamente verso sud-est, innescando ancora notevoli rovesci di pioggia sulle regioni settentrionali, centrali e centro-meridionali e nevicate abbondanti sulle Alpi, fiocchi anche nelle aree appenniniche, specie sull’Appennino centrale, ove i venti più freddi dai quadranti settentrionali, le faranno abbassare fino a quote medie. I rovesci di pioggia interesseranno la Marsica anche nella giornata di lunedì, provenendo dai settori tirrenici, maggiormente bersagliati dalle nubi temporalesche che, spostandosi verso levante, garantiranno temporali, localmente anche intensi e naturalmente associati a raffiche di vento particolarmente forti. Nella giornata di martedì, i forti venti di Maestrale spazzeranno via le nubi dalle regioni del Nord Italia, ma solo temporaneamente. Non essendo alimentata dalla sua circolazione originaria, mediante l’espansione dell’Anticiclone delle Azzorre sull’Oceano Atlantico, l’area depressionaria si esaurirà, lasciando spazio a una breve fase di tempo discreto su tutta lo stivale, seppur possano ancora farsi sentire gli effetti di un tempo variabile, con la possibilità del transito di alcune nubi stratiformi e la probabilità di rovesci o temporali su gran parte del Sud Italia. Le giornate di martedì e di mercoledì, saranno dunque decisamente migliori. Nel corso della giornata di giovedì, invece, un altro brusco peggioramento del tempo interesserà di nuovo le regioni settentrionali, centrali e questa volta anche meridionali dello stivale.

Vi ringrazio per l’attenzione.




Lascia un commento