Muore a 47 anni per Covid: a Capistrello l’addio all’architetto Persia



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Capistrello – Sono stati celebrati ieri pomeriggio, nella chiesa di San Giuseppe, a Capistrello, i funerali di Mario Persia. Alla cerimonia hanno partecipato centinaia di persone, tanto che la chiesa non ce l’ha fatta a contenere tutti coloro che si sono stretti attorno al dolore della mamma Clara, del papà Aldo, della compagna Maddalena e dei fratelli Christian e Edoardo.

Il funerale è stato celebrato dal parroco Don Antonio Sterpetti. Nessuno, in chiesa, è riuscito a trattenere le lacrime quando uno dei fratelli ha voluto rivolgergli un ultimo pensiero. L’uscita del feretro è stata salutata con palloncini bianchi e un lungo applauso.

Mario Persia aveva 47 anni. Il suo cuore ha smesso di battere il pomeriggio di venerdì 12 novembre, all’ospedale Spallanzani di Roma. Persia lavorava come architetto per conto di una società di costruzioni che si occupa di grandi infrastrutture, in Italia e all’estero.

Quando ha contratto il virus, si trovava in Romania. Inizialmente si stava curando nel suo alloggio, ma dopo qualche giorno, il peggiorare delle sue condizioni di salute, aveva reso necessario il ricovero in ospedale. Il 20 ottobre era stato trasferito a Roma con un volo sanitario privato, ma purtroppo non ce l’ha fatta.