Muore a 47 anni di Covid. Ingegnere di Capistrello contrae il virus in Romania dov’era per lavoro, ricoverato allo Spallanzani di Roma, non ce l’ha fatta



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Capistrello – Purtroppo Mario Persia non ce l’ha fatta, il Covid non gli ha lasciato scampo. È venuto a mancare a soli 47 anni all’ospedale Spallanzani di Roma, dopo che, in Romania, aveva contratto il virus. Mario si trovava nel paese balcanico per lavoro, era originario di Capistrello dove ha molti parenti e amici.

Non appena la notizia si è diffusa, il cordoglio e la tristezza, hanno invaso i social con centinaia e centinaia di messaggi di vicinanza alla famiglia. Mario era ingegnere in una grande società di costruzioni specializzata in opere pubbliche realizzate in tutto il mondo.

Dopo aver trascorso un periodo di degenza in un ospedale della Romania, dove era stato ricoverato per il peggioramento delle sue condizioni di salute, qualche settimana fa, era stato fatto rientrare in Italia, trasportato con un apposito volo.

In questo momento l’Est Europa sta vivendo una pesante situazione. In Romania, solo il 40% della popolazione è immunizzato e le strutture ospedaliere sono al collasso dovendo gestire cinquemila contagi per milione di abitanti, solo nelle ultime 2 settimane.

Mario lascia una compagna, i suoi due fratelli e i genitori. Le esequie si terranno domani a Capistrello, paese di origine della sua famiglia, presso la Chiesa di San Giuseppe alle ore 15.00. Anche la redazione di Terre Marsicane esprime il suo cordoglio ai familiari per questa prematura scomparsa.