Motociclisti e strade pericolose, il Sindaco di Ortona dei Marsi scrive al Prefetto

Ortona dei Marsi – La recente scomparsa di Patrizio De Blasis, il giovane centauro di Meta di Civitella Roveto deceduto il 5 luglio scorso in un incidente verificatosi tra Carrito e Cocullo, ha di nuovo acceso l’attenzione degli amministratori circa la pericolosità di alcuni tratti stradali e la velocità elevata con la quale, spesso, vengono percorsi. Il Sindaco di Ortona dei Marsi, Manfredo Eramo, allarmato dagli ultimi eventi, ha deciso di scrivere al Prefetto segnalando che le strade SP60 Marsico-Sannitica e SP17 Parco Nazionale d’Abruzzo, nei tratti di attraversamento del territorio di Ortona, “nei giorni festivi e pre-festivi sono frequentate da motociclisti che le percorrono ad altissima velocità, senza alcun rispetto del Codice della Strada e le trasformano in vere e proprie piste da corsa“.

La preoccupazione del Sindaco Eramo è legittima così come legittima è la sua richiesta al Prefetto di far sorvegliare le strade da una maggiore presenza delle forze di Polizia Stradale. Più controlli, probabilmente, riuscirebbero a fare da deterrente e a spingere chi percorre alcuni tratti delle strade marsicane a limitare la velocità e, di conseguenza, a evitare che si verifichino situazioni di estremo pericolo come quelle che, regolarmente, soprattutto durante la bella stagione, vengono a presentarsi.

Dolore e costernazione per la morte del giovane centauro Patrizio De Blasis, “ti ricorderemo per la tua educazione, per la tua disponibilità, per il tuo sorriso”