Malore in bici, due giovani sanitari un medico ed un coordinatore infermieristico scongiurano il peggio per un uomo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Carsoli – Si è consumato tutto in pochi attimi nel pieno Lungomare Marconi di Alba Adriatica: erano da poco passate le 15.30 quando un uomo in bici si è accasciato, per cause ancora in corso di accertamenti, in mezzo alla carreggiata.

Due giovani sanitari, un medico ed un coordinatore infermieristico Albensi si sono subito precipitati sulla strada a prestare soccorso constatando fin da subito la gravità della situazione. Da lì, tutte le manovre per scongiurare il peggio tra la folla che era giunta sul posto ed il caldo rovente sull’asfalto.

Grande lavoro di squadra è stato condotto dai due giovani, Massimiliano il medico e Pierpaolo l’infermiere che hanno poi atteso la prima ambulanza sul posto e conseguentemente (dovuto alla gravità) la seconda con medico e infermiere a bordo provenienti da Sant’Omero. L’infermiere, già nel paese di residenza Carsoli, era stato poco tempo fa protagonista su un intervento di arresto cardiocircolatorio. L’ infermiere aveva infatti salvato il nonno che si era sentito male durante il battesimo della nipote.

Improvvisamente durante il pranzo, l’uomo era andato in arresto cardio circolatorio. Il giovane Pierpaolo, coordinatore infermieristico ed infermiere di area critica, non aveva esitato a riconoscere l’arresto ed iniziare subito il massaggio cardiaco ad esito positivo che di fatto lo ha strappato alla morte.

LEGGI ANCHE