La Marsica piange Nino Salvi, per oltre 15 anni comandante della sezione della Stradale di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Trasacco. “Era il tipico maresciallo vecchio stampo, poi diventato ispettore. Mi ha traghettato al comando della Stradale insegnandomi i metodi e i modi che deve avere un comandante”. Lo ricorda così Nino Salvi, morto questa mattina al reparto di cardiologia dell’ospedale di Avezzano, l’ex comandate della sottosezione della Stradale di Avezzano, Orante Pisotta.

Salvi aveva 78 anni. A Natale aveva avuto un malore e da allora non si è più ripreso completamente.

A dare la notizia questa mattina ai trasaccani, in rete, è stato il presidente del consiglio comunale, Guido Venditti, che ha scritto su Facebook, pubblicando la foto con Salvi e il sindaco Mario Quaglieri: “Vogliamo ricordarti sempre così sorridente, grandissimo Ispettore Nino Salvi…..
In questi anni ho avuto modo di frequentarti, conoscere e apprezzare la bellissima persona che eri. Trasacco con te perde un grande tassello… Mancherai a tutti… Riposa in pace”.

“E’ andato in pensione sei mesi prima di compiere 60 anni”, va avanti Pisotta, “aveva prestato servizio a Pratola prima di arrivare ad Avezzano. Fu comandante dal 1984 fino al 1998. Era un lavoratore e anche per questo era ben voluto da tutti. Era davvero un brav’uomo”.

“Era una persona squisita”, aggiunge l’attuale comandante della Stradale di Avezzano, Giuseppe Esposito, “era un uomo diplomatico, che sapeva gestire tutte le situazioni. Sapeva conciliare i dissapori tra i suoi uomini e sapeva sempre riportare la serenità con grande dedizione per quello che faceva. Era un grande lavoratore. Era il comandante e comunque lavorava sempre, a Pasqua, a Natale, a Capodanno, era sempre in turno e in servizio”, aggiunge, “sapeva andare incontro alle esigenze degli agenti, quando avevano problemi in famiglia e trovava sempre una soluzione. Per tutti questi motivi sarà ricordato come un uomo di grande valore”.

Salvi lascia la moglie e tre figli: Americo, carabiniere forestale in servizio a L’Aquila, Genesio, infermiere dell’ospedale di Avezzano e Gianluca, titolare di un service.

I funerali si terranno domani, alle 15.30, alla Basilica di Trasacco.

 




Lascia un commento