La casa accoglienza “Mamre” di Avezzano vicina ai detenuti



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – La casa accoglienza “Mamre” di via Garibaldi, nata nel 2015 anno della Misericordia, ha come fine l’apertura verso persone in difficoltà con la legge. La gestione è affidata all’associazione di volontariato “Liberi per liberare”, presidente don Francesco Tudini cappellano della casa circondariale San Nicola, la volontaria suor Benigna Raiola apostola del Sacro Cuore, 8 le persone attive nell’assistenza e 4 nel servizio civile.

Il presidente: “Ci occupiamo dei detenuti in carcere, in misura alternativa alla detenzione penitenziaria, che vengono accolte in questa casa qualora il giudice lo ritenesse opportuno. L’associazione cura le relazioni con i familiari del detenuto, naturalmente per quelli che esprimono la volontà di essere presi in carico. Mediamente sono 4 o 5 sono le presenze quotidiane tra stranieri ed italiani, anche durante il lockdown la casa è rimasta sempre aperta. Il prossimo 22 dicembre, il Vescovo dei Marsi monsignor Giovanni Massaro verrà al carcere per celebrare la liturgia del Natale con i detenuti”.