Istruzione e formazione professionale: la Regione Abruzzo approva sei nuovi percorsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – Sono sei i nuovi percorsi di Istruzione e Formazione professionale (IeFP) autorizzati dalla Regione Abruzzo per i giovani che vogliono proseguire gli studi dopo la scuola dell’obbligo. Il Servizio Istruzione ha infatti pubblicato la graduatoria dei progetti finanziati con le risorse provenienti da fondi ministeriali, la cui attuazione è rimessa agli organismi di formazione che hanno presentato il percorso finanziato.

I sei percorsi finanziati interessano i settori dell’alimentazione, della meccanica, dell’edilizia e termoidraulica e del benessere con i servizi di trattamento estetico. La collocazione geografica dei percorsi è così suddivisa: 3 corsi nella provincia dell’Aquila, a Castel di Sangro il percorso di pasticciere internazionale, all’Aquila il percorso di operatore termoidraulico, ad Avezzano il percorso di operatore del benessere erogazione dei servizi di trattamento estetico. Un corso nella provincia di Chieti, nello specifico ad Ortona è previsto il percorso di operatore alla riparazione veicoli a motore; uno a Pescara di pasticciere internazionale ed infine uno a Teramo come operatore edile.

Gli organismi di formazione chiamati a realizzare i progetti IeFP devono avviare i percorsi entro 45 giorni a partire da oggi. È importante ricordare che i percorsi IeFP sono rivolti ai giovani che, terminato il corso di studi di scuola secondaria di primo grado, non hanno intenzione di proseguire il percorso scolastico.

Per questo il ministero del Lavoro e le Regioni mettono a disposizione percorsi formativi completamente gratuiti che permettono di completare l’obbligo formativo previsto dalla legge di riforma sulla scuola. Al termine del percorso triennale i giovani che superano l’esame finale conseguono l’attestato di qualifica primo passaggio per acquisire successivamente l’abilitazione professionale. 

Fonte: Regione Abruzzo