Tribunali, amministratori e avvocati a raccolta coi parlamentari. Il summit in agenda domani, alle 19, è mirato a fare quadrato per rilanciare la proroga



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano Sindaci, presidenti di province e degli ordini degli avvocati a confronto con senatori e deputati abruzzesi per rilanciare la richiesta di proroga della chiusura dei tribunali di Avezzano, Lanciano, Sulmona e Vasto “spinta fuori campo” dalla presidente del Senato, Maria Alberta Casellati, dopo aver superato il vaglio delle commissioni Giustizia, Bilancio e Affari costituzionali con tanto di copertura finanziaria. 

    Per provare a rimettere in carreggiata la proroga di due anni, evitando il “de profundis” dei 4 palazzi di giustizia fissato al 14 settembre 2.022, domani (2 settembre) alle 19, i componenti del gruppo di lavoro -coordinato da Gianni Di Pangrazio– composto da Domenico Di Berardino (vice sindaco di Avezzano), Mario Pupillo (sindaco di Lanciano e presidente della Provincia di Chieti), Anna Maria Casini (Sulmona) e Francesco Menna, (Vasto); il presidente della provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, e i presidenti degli ordini degli avvocati, Vittorio Melone, Silvana Anna Vassalli, Franco Colucci e Luca Tirabassi hanno fissato un nuovo vertice, sempre a distanza, con senatori e deputati abruzzesi.    L’obiettivo degli amministratori locali e dei presidenti degli ordini per salvare i 4 tribunali del sud Abruzzo, ribadito in tutte le salse, è quello spingere i parlamentari a fare gioco di squadra per indurre la Casellati a porre rimedio a quell’incidente di percorso assegnando subito il disegno di legge che riprende integralmente il testo dell’emendamento al decreto legge 80/21 alla commissione giustizia in sede deliberante.