Inaugurata la sede avezzanese del candidato Simone Angelosante: credete nella nostra voglia di far rinascere l’Abruzzo e la Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – La nuova sede di via Corradini non è bastata a contenere tutte le persone presenti all’inaugurazione della sede avezzanese di Simone Angelosante, primo cittadino di Ovindoli, candidato con la Lega di Salvini alle prossime elezioni regionali del 10 febbraio.

Più di 200 persone hanno letteralmente bloccato via Corradini per ascoltare il programma del marsicano Angelosante, che ha tagliato il nastro della nuova sede elettorale nella centralissima via avezzanese.

Presente, come nel giorno dell’inaugurazione della sede celanese, la candidata Antonietta La Porta che nel suo discorso in sostegno del marsicano Angelosante ha suggellato ufficialmente l’asse marsicano-peligno. Parole di sostegno sono state espresse anche dalla celanese Eliana Morgante e dal consigliere comunale Giovanni Luccitti.

“Trasporti, sanità, turismo e tanta volontà di passare dalle parole ai fatti”, ha esordito così il marsicano e sindaco di Ovindoli Simone Angelosante davanti ai tantissimi sostenitori avezzanesi, “veniamo da anni di non governo, anni di interesse politico personale, è arrivato il momento di dire basta e crederci”.

“La nostra regione ha un potenziale incredibile in particolare le aree interne”, ha detto a gran voce Angelosante, “le stesse aree interne che sono state letteralmente abbandonate dalla politica dalfonsiana. Quello che vogliamo fare è ottimizzare il sistema dei trasporti, gli stessi trasporti che costringono molti marsicani a dover pagare cifre allucinanti per raggiungere la capitale su un’autostrada che la maggior parte dell’anno non funziona”.

“Ottimizzare la mobilità va di pari passo con la crescita economica della regione”, ha spiegato il sindaco di Ovindoli, “questa terra ha bisogno di risplendere sotto tutti i punti di vista e credendoci insieme possiamo farcela”.

“Ci tengo a ringraziare Simone per la fiducia che ha sempre dimostrato nel movimento”, ha dichiarato Flavio Cotturone, vice coordinatore regionale dei giovani della Lega, “lui è stato il primo a credere al progetto Lega e rappresenta letteralmente il cuore del movimento. La vostra presenza così numerosa oggi ci fa ben sperare nel nostro programma che è volto al popolo e alle reali necessità dei cittadini”.

Presente all’inaugurazione e al taglio del nastro l’onorevole Luigi D’Eramo. “Oggi più che mai credete nel progetto”, ha esordito D’Eramo, “in questi ultimi giorni di campagna elettorale ci sono stati classici giochetti politici da parte di persone che hanno firmato per la chiusura del tribunale, che hanno fatto si che le strade delle aree interne fossero inagibili, che hanno ridotto al minimo la sanità. Queste persone oggi sono le stesse che, in vista delle elezioni, garantiscono ai cittadini la salvaguardia di questi beni. Oggi sono qui per dirvi: credeteci, credete nel progetto di Simone Angelosante perché la sua serietà, la sua dedizione e il suo amore per questa regione e per i cittadini darà un contributo notevole alla rinascita dell’Abruzzo”.




Lascia un commento