Il CAI della Valle Roveto omaggia gli alpinisti Daniele Nardi e Tom Ballard nel terzo appuntamento della rassegna cinematografica sulla montagna



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Civitella Roveto – Il terzo appuntamento della rassegna cinematografica sulla montagna, promossa dalla sezione CAI della Valle Roveto, sarà un omaggio a Daniele Nardi, l’alpinista della provincia di Latina scomparso proprio un anno fa, nel febbraio del 2019, sul Nanga Parbat insieme al suo compagno di cordata Tom Ballard.

L’evento avrà inizio alle 15 nella sede della Pro Loco di Roccavivi, con la proiezione del film documentario di Federico Santini, Verso l’ignoto, dove Nardi racconta i suoi inverni, ben quattro, trascorsi sul Nanga Parbat nel tentativo di violarne la cima passando sullo sperone Mummery.  

Al documentario seguirà la presentazione del libro di Alessandra Carati, La via perfetta  – nanga parbat sperone mummery , uscito a novembre dopo l’incidente avvenuto in Pakistan.

Il dibattito sul libro sarà intervallato dalle testimonianze dei compagni di mille avventure dell’alpinista di Sezze, fra i quali Cosimo Sciotto, di Capistrello, che con Nardi ha partecipato a diverse cordate sulle Alpi, è stato sull’Aconcagua la cima più alta delle Ande, e con lui si è allenato spesso sulle nostre montagne. 

Proprio sul versante nord di Pizzo Deta, quello che guarda San Vincenzo Valle Roveto, sotto la cima di un antico circo glaciale, nel vallone di Peschiomacello, Nardi era stato diverse volte, soprattutto in inverno, per i suoi allenamenti. Una delle vie aperte su questa parete di roccia, porta il suo nome.