Grande festa all’Istituto Corradini-Pomilio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Ieri 28 giugno, in tarda mattinata  all’Istituto Corradini-Pomilio si sono vissuti attimi di forte commozione . Il Professore Roberto Di Bartolomeo (vicepreside),  la professoressa Rosalba Nemesi  ed il professore  Vincenzo Pedicone,  hanno salutato i colleghi  a chiusura della loro lunga attività scolastica.

La festa si è tenuta in palestra (tanto cara a Di Bartolomeo) , che per l’occasione è stata allestita con tavolini e sedie, piatti e bicchieri come fosse un vero e proprio ricevimento. Il ricco buffet preparato di tutto punto dal servizio di ristorazione “La Forchetta Volante” è stato offerto dai pensionandi, che hanno voluto ringraziare tutti, il preside, i colleghi  il personale di segreteria e gli operatori scolastici,  per  gli auguri.

Alla riunione hanno partecipato anche colleghi che sono in pensione da qualche anno,  contenti di poter ricambiare l’emozione di un giorno così importante: una  lunga parentesi, per alcuni lunghissima parentesi della vita, che  si chiude per sempre.

Il primo saluto è stato quello del Dirigente Scolastico, il professore Angelo Recina, che ha  voluto ricordare tutti gli anni passati insieme, i primi approcci, parlando di un  rapporto con gli insegnanti che è venuto a crescere piano, piano nel tempo, fatto anche di momenti di confronto, vissuti sempre all’insegna di una grande libertà e stima reciproca. Poi la professoressa Rosalba Nemesi, docente di lettere ha salutato tutti,   dopo trentanove anni di servizio, emozionata e malinconica nello stesso tempo; il professore  Vincenzo Pedicone anche lui insegnante di lettere che, dopo quarantadue  anni ,  ha voluto ringraziare tutti per il tempo  passato insieme ed infine  il Professore di Bartolomeo, che dopo quarantatrè anni di lavoro, interrompe a metà il discorso per un improvviso nodo alla gola.

Presente in palestra suo figlio Andrea , noto attore per il “Teatro Stabile di Sardegna”,  dove a giorni sarà impegnato con il   “Macbeth” di Shakespeare;

Dopo i regali c’è stata la pesca dei bigliettini offerti a tutti gli insegnanti  dentro un cesto rosso,  uno di questi ,pescati  per caso, quasi in ultima fila , recitava così: “E’ veramente bello battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione. Perder con classe e vincere osando, perché il mondo appartiene a chi osa! La vita è troppo bella per essere insignificante.” Charlie Chaplin.  AUGURI!

di Monica Virgilio




Lascia un commento