Pepe e Berardinetti: “Un milione di euro da destinare ai centri di ricerca abruzzesi”



Regione – Il Consigliere regionale Lorenzo Berardinetti e l’Assessore alle Politiche Agricole, Dino Pepe, intervengono congiuntamente sulla questione dei Centri di Ricerca regionali e dichiarano: “Nella seduta del prossimo Consiglio regionale porteremo alla discussione dell’aula una variazione di bilancio di un milione di euro da destinare ai centri di ricerca abruzzesi Crab, Cotir e Crivea”.

“Queste risorse verranno impiegate, in primo luogo, per saldare gli stipendi dei dipendenti – spiegano – altri fondi arriveranno, inoltre, dalla liquidazione degli ultimi progetti della misura 124 del Psr. Questo, oltre a rappresentare un impegno mantenuto, è un ulteriore passo in avanti nella soluzione della problematica dei centri di ricerca abruzzesi che va ad aggiungersi al lavoro svolto nei mesi scorsi”.

Berardinetti e Pepe specificano, inoltre: “Su questo tema il nostro impegno è stato massimo e lo dimostrano i fondi che come maggioranza abbiamo erogato ai centri di ricerca: un milione e 100mila euro di contributi e un milione e 200mila euro di fondo di rotazione per la gestione finanziaria delle misure del Psr destinate alla ricerca. Come spesso detto, il nostro obiettivo è quello di dotare l’Abruzzo di un unico centro di ricerca: la necessità è quella di garantire a tutta l’agricoltura regionale uno standard di alto profilo di ricerca ed innovazione a favore del settore.

In questa ottica presso l’assessorato all’agricoltura è stato attivo un tavolo tecnico permanete che sta esaminando le diverse proposte di riforma”. “Oggi, confermando il nostro impegno sulla vicenda che riguarda i centri di ricerca abruzzesi – concludono – vogliamo esprimere riconoscenza all’Assessore al Bilancio, Silvio Paolucci, che nelle difficoltà del bilancio regionale ha saputo tenere fede agli impegni presi e ringraziare pubblicamente i dipendenti del Crab, Cotir e Crivea per l’impegno, la dedizione al lavoro e la professionalità dimostrata anche in un momento di grande difficoltà”.



Leggi anche

Lascia un commento