Gli ex dipendenti della Santa Croce davanti alla procura per il collega denunciato. Il sindaco: “Solo un grande equivoco”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Si sono presentati, come avevano preannunciato, davanti alla procura di Avezzano, per esprimere solidarietà al consigliere comunale Antonello Moscatelli, anche ex dipendente della Santa Croce.

Moscatelli è arrivato in procura per sottoporsi, affiancato dal suo avvocato Renzo Lancia, all’interrogatorio che lo vede indagato in un’inchiesta per resistenza a pubblico ufficiale aggravata in concorso con altre persone. Al momento è l’unico indagato, nel fascicolo c’è scritto che a Canistro, all’epoca dei fatti era insieme a un’altra ventina di persone.

Insieme agli ex lavoratori c’è anche il sindaco di Canistro, Angelo Di Paolo, che commenta: “Si è trattato sicuramente di un grosso equivoco perché in tutte le manifestazioni che ci sono state io sono stato anche presente e non si è mai strabordato dai limiti della legalità nelle azioni o nelle parole degli ex dipendenti della Santa Croce. Moscatelli innanzitutto non ha riconosciuto il carabiniere che stava là. Non lo conosceva, stava in borghese, non aveva un distintivo e stava dentro la macchina di Colella e non so che stava facendo dentro alla macchina di Colella, quindi ritengo che si sia trattato di un grande equivoco”.

“Conoscono Antonello”, conclude, “è una persona moderata, mite, è una brava persona ed è un consigliere comunale”.

Gli ex dipendenti della Santa Croce davanti alla procura per il collega denunciato. Il sindaco: "Solo un grande equivoco"

 

Disordini alla Santa Croce, iscritto nel registro degli indagati un consigliere comunale di Canistro. Martedì manifestazione in Procura




Lascia un commento