Far west in terza categoria, minacce e botte all’arbitro durante e dopo la partita: maxi squalifica ad un calciatore e puniti severamente due dirigenti



Un vero e proprio episodio da far west quello successo durante la partita tra United L’Aquila e Virtus Marsica Est valevole per la quindicesima giornata del campionato di Terza Categoria sul campo Federale Nello Mancini all’Aquila: il direttore di gara, Enrico Lattanzi, è stato aggredito verbalmente e fisicamente con calci e pugni da un giocatore a seguito di alcune decisioni mal digerite dalla squadra ospite. A rendere noto l’episodio la delegazione provinciale dell’Aquila della LND Abruzzo tramite il Comunicato Ufficiale N°36. Il Giudice Sportivo, Avv. Alessandro Rosa, assistito dal sostituto Avv. Pierluigi Iannarelli e dal rappresentante dell’A.I.A., A.B. Francesco Carbone, hanno potato per il pugno duro, squalificando il calciatore fino al 31 dicembre 2024. Nei guai sono finiti anche un altro calciatore, squalificato per 5 turni di campionato, e 2 dirigenti, inibiti a svolgere ogni attività uno fino al 6 aprile e l’altro fino all’11 maggio.

IL COMUNICATO

“Il Giudice Sportivo, Avv. Alessandro Rosa, assistito dal sostituto Avv. Pierluigi Iannarelli e dal rappresentante dell’A.I.A., A.B. Francesco Carbone, ha adottato le decisioni che di seguito integralmente si riportano: In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

  • Calciatore, squalifica fino al 31-12-2024: Aureli Danilo, Perchè a seguito di provvedimento disciplinare di espulsione, reagiva dapprima insultando e minacciando gravemente il Direttore di Gara, poi portatosi a ridosso dello stesso lo colpiva con un pugno sulla spalla e subito dopo alla caviglia con i tacchetti. La condotta violenta non si ripeteva solo grazie al fatto che l’Arbitro prontamente si allontanava ed intervenivano i calciatori della squadra avversaria in suo soccorso che bloccavano fisicamente il calciatore Aureli Danilo. Quest’ultimo, inoltre, tentava in tutti i modi di divincolarsi continuando a pronunciare frasi ingiuriose e minacciose nei confronti del Direttore di Gara. Sanzione da considerare ai fini dell’applicazione delle misure amministrative a carico della società ai sensi dell’art. 35 c. 7. CGS ( C.U. N.104/A della FIGC del 17.12.2014).
  • Calciatore, squalifica per cinque gare effettive: Bianchi Sebastiano, Perché, dopo essere stato già espulso, rientrava nel terreno di giuoco in occasione dell’espulsione di un compagno di squadra, inveendo e minacciando pesantemente il Direttore di Gara. Inoltre tentava di aggredirlo non riuscendovi solo grazie all’intervento dei calciatori della squadra avversaria.
  • Dirigente, inibizione a svolgere ogni attività fino all’11-05-2022: D’Eleuterio Mauro, Poichè a fine gara insultava e minacciava pesantemente il Direttore di Gara. Successivamente entrava nello spogliatoio reiterando le proteste sempre con fare minaccioso.
  • Dirigente, inibizione a svolgere ogni attività fino al 6-04-2022: Aureli Giovanni

La squadra di casa ha commentato l’episodio scrivendo sui propri social, in riferimento ad un rigore fischiato dal direttore di gara, “Magari poteva non darlo, ma neanche se l’è inventato. Comunque l’arbitro ha fischiato il rigore. Giudicate voi … per noi resterà comunque solo una partita di calcio“.



Leggi anche