Donato il secondo defibrillatore in memoria di Vincenzo Zauri. Al via anche la realizzazione dell’ “Area percorso, salute e benessere”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina. Si è concluso, sabato 29 luglio, il “Torneo dell’Amicizia Vincenzo Zauri 2017”, che si è tenuto nelle stadio Barbati di Pescina, dedicato appunto al giovane Vincenzo scomparso prematuramente nel 2013 mentre faceva un giro in motorino.

Al torneo hanno partecipato 22 squadre, di cui 3 femminili, 4 della categoria “giovanissimi” e 4 della categoria “esordienti”.

La squadra “Gelateria Alessandra”, composta dagli amici di Trasacco di Vincenzo, si è aggiudicata il primo posto, al secondo si è classificata “Gli Amici” di Pescina.

“Ringraziamo quanti hanno collaborato alla buona riuscita del torneo: Pierluigi Prosia, Nino Di Mascio, Cristian Cerasani che ha curato l’arbitraggio, l’Avis di Pescina, gli sponsor delle attività commerciali, amici e simpatizzanti, la Misericordia di San Benedetto, l’Asd Pescina e il Comune di Pescina che ha messo a disposizione lo stadio comunale”, commentano i genitori di Vincenzo, Mirko Zauri e Bianca Maria Mummolo, che hanno organizzato e partecipato all’evento, accompagnati dai figli Pierlorenzo e Nino.

“Il ricavato del torneo, come sempre, è andato in beneficenza. Dopo il primo defibrillatore donato, e tra l’altro installato nel Comune di Pescina nel 2015, abbiamo donato un secondo defibrillatore completo di teca contenitore da collocare nella frazione di Venere di Pescina”, continua Zauri, “Tra l’altro, il 26 luglio, dopo un anno di passaggi burocratici, è arrivato l’ultimo consenso favorevole della Sovrintendenza di Chieti per realizzare, grazie al ricavato del torneo 2016, “L’area percorso e salute benessere”.

“Un ringraziamento, inoltre, ai “Leoncini d’Abruzzo”, che hanno accompagnato le squadre finaliste in campo, i motoclub Sirente, Bikers Pescina, Bikers Per Sempre e i tanti amici e conoscenti che hanno eseguito il minuto di silenzio con il rombo dei motori dei vari motocicli”.

 




Lascia un commento