Donati al Centro Studi Marsicani i libri dell’archeologa Anna Barra, scomparsa qualche mese fa



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Mercoledì pomeriggio ci sarà la donazione dei libri dell’archeologa Anna Barra, scomparsa recentemente, a favore della biblioteca, gestita dalla Pro Loco e dal Centro Studi Marsicano.
Il suddetto lascito verrà operato tramite l’Archeoclub, associazione con la quale l’archeologa ha collaborato per molti anni, ricoprendo cariche dirigenziali nella sede centrale di Roma.

Anna Barra è stata una studiosa di preistoria, ben nota in ambito scientifico per aver collaborato con l’Università di Pisa e con Antonio Mario Radmilli in varie campagne di scavo svolte nella Marsica a partire dagli anni ’80.

Oltre allo scavo eseguito a Venere dei Marsi in un deposito del Paleolitico superiore insieme a Giuliano Cremonesi, di particolare rilievo è l’opera prestata per molti anni nello scavo della Grotta Continenza di Trasacco, nel quale ha affiancato Renata Grifoni nella direzione dei lavori, curando soprattutto i complessi rilievi stratigrafici del sito; la prima pubblicazione relativa a tale scavo reca anche il suo nome.

La donazione di questi libri è dunque il frutto dello stretto legame avuto da sempre con il territorio marsicano, che la ricorda, oltre che per le sue doti professionali, anche per il garbo e la dolcezza nei rapporti umani.




Lascia un commento