Di Pangrazio chiude la campagna elettorale con un comizio online



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Un comizio online per chiudere la campagna elettorale: così Giuseppe Di Pangrazio, candidato alle elezioni regionali, si congeda dagli elettori in vista della grande sfida di domenica 10 febbraio. L’ultimo sprint di una corsa, nei vicoli e nelle piazze dell’Abruzzo, per ascoltare le esigenze della gente. Un intervento di oltre 40 minuti, interrotto di tanto in tanto dalle domande dei giornalisti presenti, per parlare di ciò che a livello regionale è già stato fatto, ma anche di ciò che ancora si può e si deve fare. Un lavoro già iniziato e che, nella parole di Di Pangrazio, va portato a compimento.

“Si conclude una campagna elettorale lunga e faticosa, ma straordinaria. Sono tante le cose che abbiamo fatto alla guida della Regione Abruzzo, ma il percorso avviato per la rinascita di questo meraviglioso territorio non può interrompersi qui, c’è ancora molto da fare. Nei 5 anni di legislatura, abbiamo risparmiato 10 milioni di euro che abbiamo utilizzato per le associazioni, per il post sisma e per le aree interne. Nella provincia dell’Aquila abbiamo investito oltre 100 milioni di euro. Ingenti gli investimenti nella Marsica”.

“A prescindere da chi andrà a governare – ha continuato Di Pangrazio – bisogna fare un lavoro di squadra con investimenti cospicui per le aree interne affinchè i giovani possano restare.  Occorre mettere attorno ad un tavolo tutte le forze politiche della prossima consiliatura, senza contrapposizioni”.

E poi: “E’ importante creare le condizioni per qualificare questa Regione. Va potenziato l’aeroporto perché questo ci rende raggiungibili. Dobbiamo guardarci intorno e vedere cosa si sta muovendo intorno a noi come strategia europea. E’necessaria un‘alleanza con la regione Lazio. Siamo privilegiati, siamo terra di collegamento. Muoviamoci tutti insieme”.

Infine un ultimo appello al voto: “Votate Di Pangrazio, ma soprattutto votate Giovanni Legnini, un uomo che appartiene a tutti i territori”.

Foto e Video servizio di Manuel Conti