Cracking art all’Aia dei Musei, visitatori oltre 4.000. La mostra degli animali in plastica riciclata resterà aperta fino al 3 ottobre



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Gli animali in plastica riciclata della mostra Cracking art promossa dalla Fondazione terzo pilatro internazionale presieduta da Emanuele Emmanuele e accolta dall’amministrazione Di Pangrazio all’Aia dei Musei si confermano sempre più una grande attrazione dell’estate avezzanese 2021: in meno di due mesi -la mostra è stata inaugurata il 9 luglio- le mastodontiche e coloratissime sculture animali, in esposizione anche al Municipio e alla fontana di piazza Risorgimento, hanno attirato oltre 4.000 visitatori all’ex mattatoio in via Nuova trasformato dal Comune in custode della memoria del territorio. 

  Qui, infatti, nei locali ristrutturati -affidati in gestione ad Antiqua- sono ospitati i musei del Lapidarium e del prosciugamento del lago Fucino. Il flusso incessante, trainato soprattutto dai bambini, conquistati dal tripudio di colori accesi e dalla rappresentazione in chiave “pop” degli animali in plastica riciclata nel segno dell’ambiente e della cultura civica, è un motivo di grande soddisfazione per l’amministrazione comunale e, naturalmente, per la Fondazione Terzo pilastro internazionale. Un risultato che lascia ben sperare per un futuro all’insegna della collaborazione tra l’amministrazione comunale e la Fondazione terzo pilastro internazionale finalizzato alla valorizzazione dell’Aia dei Musei e non solo. La mostra del Cracking art, comunque, resterà aperta fino al 3 di ottobre.