Carsoli, “Un attacco vergognoso quello di ‘Futuro Certo'”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Carsoli – “Noi amministratori del Comune di Carsoli respingiamo il vergognoso attacco che il gruppo di minoranza ‘Futuro Certo’ e il ‘Pallone d’oro dei Sindaci più brevi d’Italia‘,  hanno rivolto al nostro Sindaco Avvocato Velia Nazzarro pubblicando un articolo pieno di infamie che, per sterile  visibilità,  mistifica la verità dei fatti”.

E’ la risposta dei consiglieri di maggioranza all’attacco del gruppo ‘Futuro Certo‘, che aveva definito il Primo Cittadino di Carsoli il più retribuito nella Marsica.

“Gli emolumenti percepiti dagli amministratori e dal sindaco – spiegano – sono da tempo pubblicati sul sito del comune e sono in totale coerenza con il programma elettorale con il quale avevamo assunto l’impegno di ridurli tutti del 30%. In particolare, al Sindaco di un Comune di oltre 5.000 abitanti spetta, per legge, una indennità di carica pari ad euro 2.509,98 che, ridotta del 30 % , è stabilita in  euro 1.756,99 lordi mensili”.

“Per legge,  ai componenti della giunta e ai Sindaci dipendenti pubblici o privati,  l’indennità è ridotta del 50% . Il nostro Sindaco, svolgendo attività di libero professionista, percepisce, invece, un’indennità mensile pari ad euro 1.332,60 sulla quale la stessa, a fine anno, deve pagare la dovuta tassazione”. 

“Il Nostro Sindaco, assicurando una quotidiana e continua presenza nella sede comunale, deve necessariamente togliere tempo alla propria attività lavorativa; per questo motivo il legislatore ha previsto tale diversificazione. Dall’inizio del mandato, il Nostro Sindaco utilizza il proprio telefono e la propria autovettura  per lo svolgimento delle funzioni amministrative e non ha mai percepito alcun rimborso spese per spostamenti istituzionali”.

“Il confronto con le altre amministrazioni – concludono – non ha alcun fondamento e non può essere utilizzato per camuffare l’incapacità di una minoranza a rendersi propositiva e protagonista. E’ evidente che i dati pubblicati, non sono corretti ma tendenziosi e tesi solo a danneggiare l’immagine del nostro primo cittadino. La cittadinanza può essere certa che la nostra azione di  governo sarà sempre in perfetta coerenza con i principi di onestà, legalità e trasparenza”.




Lascia un commento