Cappadocia, l’ex vicesindaco risponde alla Lilli



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Cappadocia. L’ex vicesindaco di Cappadocia, Franco Pompei, interviene sull’intervento dell’ormai ex sindaco Lilli, che ha commentato l’operato dei 4 consiglieri dimissionari che hanno fatto cadere la giunta.

LEGGI QUI: Cappadocia, arriva il commissario. Lilli saluta e commenta l’operato dei dimissionari

Cappadocia, dimissioni di 4 consiglieri. Cade l’amministrazione comunale

Ecco la risposta di Pompei:

A tutti i cittadini che hanno interessi civili e di ragione sul territorio del comune di Cappadocia, e condividano l’idea di DEMOCRAZIA per il bene comune.

Vorrei cortesemente rispondere alla lettera del Sindaco Lilli Lucilla, anche per avere la possibilità d’informare i cittadini della errata informazione data dal Sindaco.

I cittadini sono stati informati delle nostre divergenze che si erano alimentate quando sono venuto a conoscere le scelte fatte dal Sindaco relativamente alle opere pubbliche da realizzare con fondi di un mutuo e con vendite patrimoniali, scelte a noi mai comunicate e poi da noi assolutamente mai condivise.

Sono molto più amareggiato del Sindaco, nell’aver trovato negli ultimi tempi nella figura della Lilli,  persona che ricopre un ruolo di amministratore pubblico, il ruolo istituzionale del Sindaco eletto dai cittadini, la persona più vicina a loro,  un delirio di onnipotenza, un muro di gomma dove tutto rimbalza, richieste più volte avanzate, sia verbalmente che per lettera, nessun scambio d’idee, nessun confronto si è potuto fare, ne tantomeno si sono avute notizie sulle argomentazioni di rilevante interesse che si sarebbero dovute discutere, per correttezza, in consiglio.

Sono molto più deluso del Sindaco, perché non ha capito, o non ha voluto capire che è stata eletta con i voti del popolo dati ai consiglieri di lista, questa è DEMOCRAZIA, parola greca che vuol dire POTERE DEL POPOLO meglio ancora GOVERNO DEL POPOLO ovvero SISTEMA DI GOVERNO.

Devo dire che l’affermazione di dire che il Vicesindaco è stato presente nel 2016 solamente 6 volte è infelice e falsa. Forse il Sindaco non ricorda quante mie presenze in comune ha firmato su attestazioni, vorrei precisare che per motivi di presenza sul territorio ho percorso con la mia vettura, in circa quattro anni, 90.000 Km. Vorrei sapere quanti Km ha percorso il Sindaco con la sua autovettura, ma forse ciò non importa, è domanda troppo cretina.

Parliamo di cose serie, quando ho avuto l’occasione di rappresentare il comune in incontri istituzionali o di semplice incontro politico, ho sempre portato risultati positivi per la nostra collettività, facendo valere le nostre ragioni su logica di confronto e di dati reali.

Il Sindaco usa l’aggettivo GROTTESCO, se c’è qualcosa di grottesco sull’accaduto è l’assoluta e voluta inerzia messa in campo dal Sindaco, di non portare a conoscenza di tutti i Consiglieri argomenti per spese di elevati impegni economici, che sono stati trattati esclusivamente in modo autonomo, senza nessuna richiesta di parere ai rappresentanti eletti dal popolo, e quando si parla di importi rilevanti anche i cittadini dovrebbero essere prima informati.

L’irresponsabilità che viene scaricata sui Consiglieri dimissionari è evidente che sia totalmente del Sindaco che si è proclamato monarca e non repubblicano, voglio precisare che la scelta fatta da noi Consiglieri è protetta da un arco costituzionale di garanzie dettate dalle norme che regolano i governi comunali.

Forse danno fastidio persone che ragionano con la testa, e persone che dicono cose quando non sono soddisfatte dell’operato di colui che guida il carro comune.

Mi definisce fantasma e irresponsabile, per il fantasma ho risposto sopra, per l’irresponsabile penso di avere sempre agito all’interno dell’amministrazione  correttamente con tutti, dipendenti, colleghi Consiglieri e Sindaco, dal saluto alle discussioni in consiglio comunale, anche su argomentazioni complesse e delicate, dimostrando competenza e conoscenza della materia. Già all’inizio della legislatura ho dato dimostrazione dell’impegno serio e professionale, ricordo la mia lettera presenta al primo consiglio comunale dove ho chiesto l’ineleggibilità del candidato sindaco della lista avversaria, fino all’assegnazione dell’assessorato in Comunità Montana al nostro comune. Vorrei accennare e ricordare che l’avvio per la richiesta dei fondi regionali per l’impianto sciistico di Camporotondo è stato possibile anche per la venuta a Cappadocia di figure istituzionali regionali e sovraregionali da me contattate e invitate.

Fa bene il Sindaco a dire “Sono soddisfatta di tutto quello che abbiamo fatto in questi anni” perché l’abbiamo realizzato grazie a tutti, anche con persone che sono fuori dall’amministrazione, e non come spesso si legge nei social per meriti strettamente suoi personali, la politica seria si fa su altri campi e con altre forme.

Anch’io ho svolto il mio incarico con impegno e molta serietà. Ho fatto sempre scelte molto ponderate e spesso difficili per il mio modo di pensare, ma sicuramente TRASPARENTI e senza alcun fine, anzi.

Unico rammarico è quello di non essere, alcune volte, capito da quei cittadini che vengono a chiedere soluzioni per problemi personali, devo dire che alcuni sono problemi anche molto seri, da tenere in alta considerazione quando si entra nel campo sociale.

Comunque vada, vorrei ricordare la mia signorilità, perché mi ritengo un signore, la candidatura della Lilli è stata possibile grazie al mio passo indietro come candidato sindaco, ed io stesso ho proposto quel nome.

Per chiudere voglio ringraziare tutti coloro che hanno capito che il mio e il gesto degli altri consiglieri non è un qualcosa riferito alla persona, ma qualcosa che va contro la figura dell’istituzione che si vuole arrogare tutte quelle funzioni che sono del popolo che rappresentiamo e che ha diritto di decidere. Per questo abbiamo portato in comune le dimissioni, per protestare e fermare quella autoritaria volontà del Sindaco di continuare nella sua scelta autonoma e non condivisa, scelta che avrebbe penalizzato una grandissima parte della nostra comunità.

Auguro al sindaco, visto che continua la sua denigrazione nei nostri confronti, di poter partecipare alle prossime elezioni con una sua lista, e quando vuole sono sempre disposto a un democratico confronto in qualsiasi pubblica piazza.

Dimenticavo un’ultima cosa, anche il consigliere comunale Paolo Agostini era per la firma delle dimissioni.

Un cordiale saluto a tutti.

firmato Franco Pompei




Lascia un commento