Avezzano Exercise 2019, ecco cosa c’è da sapere



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano –  Al suono della sirena comunale, la mattina di domenica 13 gennaio 2019 ogni cittadino di Avezzano, dei 41 mila residenti, potrà recarsi presso l’area di attesa più vicina, seguendo le indicazioni che saranno fornite via radio dal Centro Operativo Comunale (C.O.C.)

I discenti del master O.D.E.M. istituito presso l’Università degli studi dell’Aquila con il supporto tecnico/scientifico di Edimas hanno elaborato, durante il loro tirocinio formativo gratuito, le molteplici e innovative attività, fornendo un concreto supporto all’amministrazione comunale di Avezzano e all’intera cittadinanza.

La formula innovativa dell’esercitazione “Exercise Avezzano 2019” è stata ideata per creare un vero e collaborativo coinvolgimento dell’intera popolazione affinché tutti i cittadini potessero avere le primarie informazioni e le nozioni di autotutela, le più utili e senz’altro necessarie in caso di sisma soprattutto in quest’area geografica, dove nello stesso giorno del 1915,  persero la vita più di 30 mila persone e nella stessa Avezzano, su 10 mila abitanti, oltre 9 mila persero la vita (più del 90% della popolazione!).

Le azioni amministrative ed organizzative, previste dall’attuale piano di emergenza comunale, saranno verificate e qualora necessario, prontamente aggiornate, grazie al fattivo contributo fornito da tutti i soggetti chiamati a partecipare.

La cittadinanza è stata preventivamente informata attraverso una campagna  divulgativa operata dall’amministrazione comunale presso le scuole elementari e medie, alle aziende attraverso le loro rispettive associazioni di categoria (agricole, artigiane, commerciali e industriali), alle rappresentanze sociali e a quelle istituzionali mediante opportune riunioni dedicate.

EXERCISE AVEZZANO 2019 è stata progettata per migliorare concretamente la conoscenza e la consapevolezza del rischio, da parte dell’intera comunità, e per costruire un modello partecipato e condiviso di resilienza sociale, che superi i vecchi e desueti concetti del disaster management (quelle azioni che partono solo a disastro avvenuto).

I 21 discenti della classe multidisciplinare della III edizione del master universitario di II livello O.D.E.M. (Official of Disaster and Emergency Management), composta da diverse professionalità (dall’ingegnere al medico, dall’architetto al geologo, dal capitano dell’esercito al manager aziendale, dall’esperta di scienze naturali e forestali al dirigente ASL), al termine delle attività esercitative,  relazioneranno pubblicamente all’amministrazione comunale, alle ore 16:00 presso la Scuola Montessori di Avezzano.




Lascia un commento