Autostrade: FDI “Scongiurare aumenti tariffe A24-A25 Ee intervenire per garantire sicurezza”



“Questa mattina ci siamo recati al casello autostradale di Tornimparte, lungo la A-24, per portare il nostro sostegno alla mobilitazione straordinaria dei sindaci abruzzesi contro il caro pedaggi e a favore di maggiore manutenzione stradale”. Lo affermano Vincenzo Calvisi, vicepresidente di Fratelli d’Italia per la provincia dell’Aquila, e Lucia Albano, deputata di Fratelli d’Italia.
“L’aumento dei pedaggi, che entrerà in vigore il 1 luglio, porterà un rincaro del 34%. Inoltre, il piano tariffario attualmente in vigore prevede un aumento annuo pari al 16%, che arriverà a +375% nel 2030.
La A-24 e la A-25 sono le uniche due autostrade che collegano il mar Adriatico con il Tirreno e permettono di connettere le aree interne dell’Appennino Centrale con la Capitale. Vengono percorse da milioni di automobilisti per motivi di lavoro e turismo, ma anche per salute”, spiegano.
“A fronte di continui aumenti – in 14 anni il rincaro della tariffe è stato del 187 % – non segue altrettanta manutenzione da parte del gestore. Fratelli d’Italia ha più volte sollecitato il Ministero dei Trasporti attraverso atti parlamentari e lettere firmate dal Presidente Giorgia Meloni, senza mai ricevere risposta. Così come ha domandato l’on. Francesco Lollobrigida, capogruppo alla Camera dei deputati, Fratelli d’Italia chiede una informativa urgente del ministro Giovannini su questo tema. Se il Ministro non è in grado di risolvere questo problema, che lasci il suo incarico”, concludono.


Autostrade: Rotelli (FdI), pieno sostegno a manifestazione dei sindaci Roma, 23 aprile – “Pieno sostegno all’iniziativa dei cento sindaci di Lazio e Abruzzo contro il caro pedaggi delle autostrade A24 e A 25. Stamattina mi sono recato ai caselli di Pescina e Aielli Celano, in Abruzzo, per manifestare personalmente il mio appoggio alla protesta pacifica, organizzata nei maggiori caselli delle due autostrade, per sensibilizzare il governo sulle gravi ricadute che gli aumenti portano nelle aree interessate. Gli incrementi, in alcuni casi fino al 400%, incidono pesantemente sulle economie dei tantissimi pendolari che, ogni giorno, utilizzano le due arterie autostradali per raggiungere la capitale: in 14 anni il rincaro della tariffa è stato del 187 %. Si tratta di rincari insostenibili che rischiano di avere gravissime conseguenze sia a livello economico ma anche territoriale. Il Governo intervenga rapidamente per far fronte a questa situazione entro fine giugno: con gli ulteriori aumenti previsti per il 1 luglio un pendolare potrebbe spendere 700-800 euro in più all’anno. Contro lo spettro di questa cifra esorbitante è necessario adottare provvedimenti urgenti”.Lo dichiara Mauro Rotelli, deputato di Fratelli d’Italia

In riferimento alla mobilitazione straordinaria dei sindaci, condividendo pienamente la comune battaglia contro il caro pedaggi e per la sicurezza delle autostrade A24 e A2, stamattina Fratelli d’Italia è stata presente nei presidi abruzzesi presso i caselli autostradali con la presenza non soltanto con dei dirigenti regionali e locali di partito, ma dei seguenti parlamentari:

• Torninparte – On. Albani
• Carsoli – On. Lollobrigida
• Pescina – On. Rotelli
• Celano – On. Rotelli
• Magliano – On. De Toma
• Cocullo – Sen. Calandrini
• Sulmona – Sen. Petrenga
• Avezzano – On. De Toma
• Colledara – S.Gabriele – On. Silvestri 


Comunicato stampa Fratelli d’Italia – Abruzzo



Leggi anche