La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » “A San Cesidio Martire d’amore”, una poesia di Maria assunta Oddi per le feste patronali di Trasacco

“A San Cesidio Martire d’amore”, una poesia di Maria assunta Oddi per le feste patronali di Trasacco

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Trasacco – Anche quest’anno le feste patronali rinnovano il culto per i santi protettori SS. Cesidio e Rufino.

La Basilica in stile romanico dichiarata monumento nazionale nel 1902 si prepara ad accogliere le celebrazioni liturgiche nelle giornate del 30-31 Agosto e primo settembre con la venerazione della Madonna di Candelecchia.

Nella meravigliosa cripta dove sono conservati i resti mortali dei Martiri di Trasacco, la pietà popolare si accende di profonda devozione nella fede millenaria vissuta in una contemporaneità senza spazio né tempo. Solo nella rivisitazione autentica di antiche tradizioni è possibile “cogliere ancora le tracce d’una certa leggenda (…) che resta, nell’appellativo d’una roccia, in un certo rito religioso, viva in mezzo al presente, come un’emanazione più densa, immemorabile e consolidata” (M. Proust, I Guermantes, Torino).

Ci sono degli snodi nella vita cittadina e uno di questi è nelle feste patronali che permettono ad una comunità intera di sperimentare una socialità vissuta in maniera particolarmente significativa sia per la coscienza individuale che per l’etica pubblica. Mai come oggi la comunità locale sente il bisogno di affrontare insieme le difficoltà di un momento imprevisto e tragico come quello imposto dalla pandemia. Nel vissuto esistenziale della fede è possibile costruire la propria vita sulla testata d’angolo del culto religioso dei nostri avi per essere l’uno per l’altro finestre di luce contro l’oscurità del nichilismo. Per tutti i trasaccani sia residenti, sia per quelli che vivono altrove e per i pellegrini la nostra “Basilica” diventa santuario per ritrovare con le radici l’identità che pone nel cristianesimo uno dei suoi elementi portanti.

A San Cesidio Martire d’amore.

Ha una matrice la nostra anima

Fatta di tenera argilla e di sasso tenace

Di caduche foglie ed eterne fiorite:

pia devozione per te, 

O Santo consolatore.

Per ognuno di noi sei colui che apre

Le porte del Paradiso con l’ineffabile dolcezza

Del chiaro sguardo germoglio di pietà infinita.

Tu solo possiedi la chiave per entrare nel travaglio 

Dei nostri affanni nell’incontro inaspettato

Con un passato genesi del lume della nostra fede 

Posata sulle labbra in preghiera delle madri:

“ovunque andrai, figlio mio, abbi memoria del tuo Paese

dei tuoi lontani affetti e del tuo tempo felice di fanciullo.

Nel buio confida in Cesidio mistero di fulgore:

che il nostro viaggio è solo un cammino di ritorno”.

Nel giorno di festa, sciamano dai balconi, dalle terrazze

Dalle finestre, dai recinti degli orti domestici

Come variopinte farfalle dal vento mosse

Lenzuoli ricamati delle spose e rossi stendardi 

Per onorarti mentre ondeggi e t’allontani per le strade

Nell’abbraccio commosso del tuo popolo.

Resta tra il rumore dei mortali e il vociare della folla alla fiera,

il rintocco delle campane, il brusio dei rosari e il gaio suono della banda

la calligrafia minuta della vita eroica fermezza di cristiana sapienza

a confidare, nel nostro tempo tragico e dubbioso,

per una sola lacrima versata dal tuo cuore d’amore gentile

nella speranza di grazie celesti.

PROMO BOX

Avezzano ritrova i nomi delle vittime dei bombardamenti di 80 anni fa: a loro sarà dedicato un monumento
L'associazione "360° solidale" dona un PC al reparto Pediatria dell'ospedale dell'Aquila
Antonio Fasulo presenta ad Avezzano i suoi "Giardini del male", libro proposto al Premio Strega Poesia 2024
Luce e gas, flop mercato libero: "bollette più care
Il Portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini ospite del Consiglio dei Bambini e dei Ragazzi del Comune di Avezzano
immagine celebrazioni a teatro
Comune di Celano
SICUREZZA 3
pallone-da-calcio
In arrivo dal Mit 37,19 milioni di euro per 6 nuovi treni per l'Abruzzo
Divieto di utilizzo, per consumo umano, dell'acqua della fontana di via Fonte Vecchia a Pereto
IMG-20240522-WA0004
Sacchi neri lasciati davanti alla sede della CRI di Carsoli: "Un'indecenza, vestiario e giocattoli vanno consegnati di persona e controllati"
I quadri di Florales a Magliano de' Marsi svelati dalla Pro Loco: saranno realizzati per la festa del Corpus Domini
Il 1° Giugno a Pescina lo spettacolo dei ragazzi dell'Anfass di Celano in onore di Sabina Santilli
Marsica ed Europa: un incontro per riflettere sulle prossime elezioni con il giovane giurista avezzanese Andrea Minieri
Trasacco commemora la Strage di Capaci con una targa dedicata a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli agenti caduti
problema-acqua-in-italia
Al Santuario dell'Oriente la festa della Madonna di Fatima con l'antichissimo "Inno Akathistos"
ferrovia Roma-Avezzano
asma
Cunicoli di Claudio, Santangelo: “2,3 milioni per valorizzare il parco archeologico”
Comune di Celano
Restaurata la base processionale del busto di San Berardo di Pescina

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina