Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
Cerca
Close this search box.

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Sono passati 103 anni ma quella data è impressa nella mente di tutti i Marsicani.
Alle 7.52 della freddissima,limpida e serena mattina del 13 gennaio del 1915 un violentissimo sisma sconvolse la Marsica e tutti i suoi abitanti. Fu qualcosa di inaudito che giunse dalle viscere della terra con una forza pari a 11 gradi della scala Mercalli (magnitudo 7 sulla Scala Richter), più potente di circa 50 volte rispetto al terremoto dell’Aquila del 6 aprile 2009. L’area d’azione del sisma fu molto estesa ed il terremoto si avvertì benissimo anche nella capitale dove cadde una statua della chiesa di San Giovanni in Laterano ma fu avvertita persino in Pianura Padana.

Avezzano fu completamente rasa al suolo ed una sola abitazione rimase integra, resistendo caparbiamente o miracolosamente alla furia del tremendo sisma.
Il Corriere della Sera del 14 gennaio riportò notizie di prima mano sul disastro e fece una sorta di mappa della gravità del sisma, giudicato “immenso”, in primis ad Avezzano, “rasa totalmente al suolo”, dove morirono 10.719 persone su una popolazione di 13.119 abitanti, circa l’82%.
Nell’intero circondario del Fucino le vittime complessivamente registrate arrivano a oltre 30.000.

Il catastrofico terremoto della Marsica è uno dei più grandi e famosi disastri sismici della storia italiana, secondo solo, nel Novecento, al terremoto del 28 dicembre 1908. Quel 13 gennaio enormi distruzioni si ebbero in tutti i paesi della zona del Fucino, alcuni dei quali furono completamente rasi al suolo con un’altissima mortalità. Avezzano, principale centro amministrativo dell’area, perse più dell’80% dei suoi abitanti (10.700 morti su un totale di poco più di 13.000 residenti), Gioia dei Marsi il 78%, Albe il 72%, Ortucchio e Pescina il 47%. Gli effetti più distruttivi interessarono non solo l’area del Fucino ma anche la Valle Roveto, il Cicolano e la zona di Sora, nel Frusinate. Danni di varia entità furono complessivamente riscontrati in circa 700 località sparse in un’area molto vasta, estesa a 6 regioni: Abruzzo, Lazio, Molise, Marche, Umbria e alcune località del Casertano, in Campania. Fra le città danneggiate anche Roma, dove decine di edifici e di chiese rimasero lesionati e ci furono alcuni crolli.
La scossa principale fu avvertita fino al Veneto e alla Lombardia, verso nord, e fino alla Puglia e alla Basilicata verso sud.
Come riporta il noto sismologo dell’epoca Alfonso Cavasino nel suo volume del 1935 sui terremoti d’Italia, il terremoto non fu preceduto da scosse premonitrici (o più correttamente in inglese “foreshock”) o altri segnali.
Le repliche si susseguirono per 4 anni; solo nei primi sei mesi successivi al grande terremoto l’Osservatorio di Rocca di Papa registrò quasi 1300 scosse di varia intensità.
L’azione dei soccorsi venne ostacolata dal cattivo tempo, dalla difficoltà delle comunicazioni e dall’imperversare della Prima Guerra Mondiale che impedì all’Italia di rifornirsi di legname, materiale allora preziosissimo.
Un moto di solidarietà e di affetto si strinse intorno alla Marsica lacerata dal sisma: da numerose città italiane arrivarono aiuti e conforto.
Don Orione e don Guanella si prodigarono per l’assistenza ai numerosi orfani, sopravvissuti ai loro genitori.

Il terremoto venne raccontato dai piu’ importanti giornali italiani, spesso attraverso la penna di giornalisti illustri, come Prezzolin, Slataper ed altri.
Anche i quotidiani stranieri diedero ampio risalto al sisma marsicano con importanti corrispondenze. Personaggi della cultura e della politica nazionale accorsero nel Fucino: il Re Vittorio Emanuele III, Guglielmo Marconi, Nazario Sauro, Gaetano Salvemini e molti altri.

Pagine struggenti ha dedicato al terremoto lo scrittore marsicano Ignazio Silone che nel sisma, oltre alla propria abitazione, perse alcuni familiari. La Grande Guerra spense i riflettori sul terremoto e sui suoi abitanti. Nonostante la situazione di tremendo disagio delle loro famiglie, i giovani della Marsica andarono al fronte e combatterono, valorosamente, come tutti gli abruzzesi.

Con la fine della Guerra cominciò la paziente opera di ricostruzione. A distanza di 103 anni ricordiamo l’avvenimento commemorando tutti coloro che persero la vita in quella tremenda circostanza sperando che mai più una calamità simile colpisca la nostra Marsica.

PROMO BOX

Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
A.S.D. LEONESSA AVEZZANO VOLLEY
443713756_8115691255116904_4022320104390566151_n
Castel di Sangro
Avezzano ritrova i nomi delle vittime dei bombardamenti di 80 anni fa: a loro sarà dedicato un monumento
L'associazione "360° solidale" dona un PC al reparto Pediatria dell'ospedale dell'Aquila
Antonio Fasulo presenta ad Avezzano i suoi "Giardini del male", libro proposto al Premio Strega Poesia 2024
Luce e gas, flop mercato libero: "bollette più care
Il Portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini ospite del Consiglio dei Bambini e dei Ragazzi del Comune di Avezzano
immagine celebrazioni a teatro
Comune di Celano
SICUREZZA 3
pallone-da-calcio
In arrivo dal Mit 37,19 milioni di euro per 6 nuovi treni per l'Abruzzo
Divieto di utilizzo, per consumo umano, dell'acqua della fontana di via Fonte Vecchia a Pereto
IMG-20240522-WA0004
Sacchi neri lasciati davanti alla sede della CRI di Carsoli: "Un'indecenza, vestiario e giocattoli vanno consegnati di persona e controllati"
I quadri di Florales a Magliano de' Marsi svelati dalla Pro Loco: saranno realizzati per la festa del Corpus Domini
Il 1° Giugno a Pescina lo spettacolo dei ragazzi dell'Anfass di Celano in onore di Sabina Santilli
Marsica ed Europa: un incontro per riflettere sulle prossime elezioni con il giovane giurista avezzanese Andrea Minieri
Trasacco commemora la Strage di Capaci con una targa dedicata a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli agenti caduti
problema-acqua-in-italia
Al Santuario dell'Oriente la festa della Madonna di Fatima con l'antichissimo "Inno Akathistos"
ferrovia Roma-Avezzano

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina