Vaccinare maturandi e universitari per esami e tesi in presenza: la proposta di Stefania Pezzopane



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – “Le vaccinazioni, grazie al piano energico del commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo e alle azioni incisive del governo Draghi, stanno accelerando in tutta Italia e dopo la fascia dei 40enni verranno aperte a tutti. Tuttavia, non dimentichiamo i giovani.

Vacciniamo tutti i maturandi e gli universitari per gli esami e le tesi in presenza. Questi ultimi, da marzo 2020, studiano senza più alcun contatto con le università e gli studenti delle scuole superiori sono di nuovo in presenza solo da poche settimane. Per loro è stata durissima. Sarebbe opportuno che almeno la maturità, gli esami universitari e la discussione delle tesi fossero possibili in presenza e con maggiore serenità“.

I docenti delle scuole e delle università e anche gran parte del personale sono vaccinati. La Regione Lazio ha preso una saggia decisione a favore dei giovani maturandi. Entro il 2 giugno ci sarà un open day nel Lazio per gli studenti che affronteranno gli esami di maturità. Sull’esempio del Lazio mi auguro si muova anche la regione Abruzzo.

Cerchiamo di far concludere questa sessione di esami e tesi in presenza, vaccinando con appositi open day su base volontaria, studenti e studentesse, laureandi ed esaminandi. Sarebbe un segnale di attenzione verso le giovani generazioni che stanno pagando un prezzo altissimo alla pandemia“.

Purtroppo la Regione Abruzzo guidata dal presidente Marsilio di Fratelli d’Italia, ha il record di vaccinazioni improprie, i famosi ‘altri’, ed è ancora in ritardo su anziani e fragili. Mi auguro che il ministro della Sanità Roberto Speranza, il commissario Figliuolo e il Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio intervengano per costringere l’Abruzzo a colmare il gap”.