Un albero per il futuro: i bambini delle scuole di Pescina e Venere mettono a dimora nuove piantine con i Carabinieri Forestali



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Pescina – Nella mattinata di oggi, nonostante non fosse bel tempo, presso la scuola dell’infanzia di Venere si è tenuta una vera e propria lezione di educazione ambientale. A darne conto è l’assessore del Comune di Pescina, Antonio Odorisio presente all’iniziativa assieme al Sindaco Mirko Zauri.

Ai bambini della scuola di Venere si sono aggiunti anche quelli provenienti da Pescina. Tutti insieme, con il supporto dei Carabinieri Forestali per la biodiversità di Castel di Sangro (sezione di Magliano dei Marsi) e delle Guardie del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, i bambini hanno messo a dimora giovani piante che, tra qualche anno, diventeranno alberi.

Il progetto, attuato già in altre realtà scolastiche del nostro territorio, è denominato “Un albero per il futuro“. I bambini sono stati preparati dalle insegnanti coadiuvate dalla Preside dell’Istituto comprensivo “Fontamara”, prof.ssa Maria Gigli. L’assessore Odorisio, inoltre, fa rilevare che sono state consegnate, per il momento solo agli alunni di Venere, le prime bottigliette in alluminio che fanno parte del progetto “plasticfree” e donate dalla ditta Nenè Services che si occupa della mensa scolastica.