Troppi incidenti in moto sulle nostre strade, promossa campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Il Motoclub Sirente fra i promotori, anche la provincia dell’Aquila e molti comuni marsicani hanno aderito all’iniziativa

Pescina – La campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale, promossa dalla Federazione Motociclistica Italiana è stata condivisa dal Motoclub Sirente che in questi giorni l’ha rilanciata in Marsica coinvolgendo nell’iniziativa la provincia dell’Aquila, più diversi comuni e associazioni che hanno offerto il loro patrocinio alla causa.

In una nota recapitata alla stampa, Salvatore Sclocchi, iscritto al Motoclub Sirente e organizzatore della campagna sulla Marsica, ha ringraziato la FMI e il Presidente del Motoclub di cui fa parte, Luca Di Genova. Ringraziamenti anche per la Provincia dell’Aquila, e i Comuni di Carsoli, Pescina, Oricola, San Benedetto dei Marsi, Scanno, Alfedena, Opi, Barrea, Anversa, Pescasseroli, Bisegna, Collarmele, Ortona, Cocullo, Villetta Barrea, Gioia dei Marsi, Civitella Alfedena e Aielli, per il patrocinio offerto.

Anche alcune associazioni fra gli aderenti alla campagna, come i Ciclisti Fontamara Pescina, Artè Caffè Letterario Pescina, l’Avis Pescina, il Motoclub Mirmidoni di Carsoli. Un ringraziamento speciale è stato riservato ad Alfonsino Scamolla che, in veste di imprenditore, ha contribuito fattivamente alla buona riuscita dell’iniziativa.

«Andare in moto è un modo per staccare la spina e correre via dalla routine della quotidianità. Le nostre strade, per conformazione geografica e paesaggistica e per tipologia, offrono spettacolari itinerari e suggestivi scorci che permettono di scoprire luoghi arricchendo gli occhi e il cuore del motociclista.» Queste le parole di Sclocchi che aggiunge.

«È nostro dovere non trasformare una giornata di totale libertà e puro divertimento, in tragedie che sconvolgono la vita irrimediabilmente. È importante rispettare le esigenze di tutti i viaggiatori che percorrono le strade, avendo sì totale libertà, ma soprattutto garantendo sicurezza, rispetto dei limiti di velocità e delle norme che regolano il codice della strada, non perdendo mai di vista la tutela e la salvaguardia della propria e dell’altrui vita.»