Tribunali minori, stralciato l’emendamento. Si chiude nel 2022?



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Questa notte, nel corso della discussione in Senato sul maxiemendamento nel quale era contenuto il salva-tribunali, la parte relativa ai presidi di giustizia abruzzesi, che prevedeva una proroga alla chiusura fino al 2024, è stata stralciata dalla presidente Elisabetta Casellati.

“La Presidente del Senato Casellati – ha affermato Massimo Verrecchia(FDI) – ha stralciato l’emendamento sui tribunali abruzzesi per estraneità della materia (pensate che il DL è intitolato “per l’efficienza della giustizia”). Non solo quindi era più che competente per materia ma l’emendamento che interessa l’Abruzzo era poco prima passato anche in Commissione Bilancio dove i senatori avevano trovato la copertura economica (720mila euro) e approvato nuovamente. Prima però il Governo su iniziativa del ministro della Giustizia Cartabia aveva chiesto alla stessa commissione bilancio di ritirare/togliere l’emendamento.

Sempre nella serata di ieri la Casellati aveva rappresentato ai capogruppo del Senato che il Governo (e sembra anche altra importante Istituzione) aveva chiesto lo stralcio dell’emendamento. Non si comprende l’accanimento del Governo verso la proroga dei nostri quattro tribunali. Rispetto ai problemi seri del nostro Paese è incomprensibile come si possa ‘per capriccio’ spendere energie per mortificare in questo modo la comunità abruzzese tutta.

Confidiamo ancora in quei senatori che all’unanimità avevano approvato l’emendamento affinché facciamo valere il loro ruolo che il governo ha voluto ‘annientare’ con arroganza ed in modo insensato! Cari sindaci ed istituzioni abruzzesi bisogna assolutamente tornare a Roma e far sentire la nostra voce”.