Trasfusione con sangue infetto: maxi-risarcimento agli eredi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Nel 1973 contrasse l’epatite C a causa di una trasfusione di sangue infetto: lo Stato, adesso, dovrà pagare un milione di euro agli eredi della donna.

A stabilirlo è stata la terza sezione della Corte di Cassazione che ha condannato al risarcimento il Ministero della Salute.

La donna fu sottoposta a trasfusione in ospedale: il virus, nel corso degli anni, ha compromesso la salute della marsicana,le sui condizioni si sono aggravate fino a portarla al decesso.




Lascia un commento