Trasferimenti docenti da una provincia all’altra, il Giudice ordina le rettifiche. Ora si rischia l’effetto domino!

Pescina – Due sentenze, stesso verdetto: le operazioni di trasferimento inter-provinciale sono sbagliate. Così il Giudice di Sulmona, dr.ssa Marta Sarnelli e il Giudice di Avezzano, dr. Antonio Stanislao Fiduccia, quasi in contemporanea al fine di decretare la correzione del punteggio attribuito per la procedura di mobilità e il diritto al trasferimento nella provincia dell’Aquila.

A beneficiare delle due sentenze (la n. 95/2020 del Tribunale di Sulmona e la n. 152/2020 del Tribunale di Avezzano) sono due docenti della scuola secondaria di I e di II grado, i cui ricorsi sono stati curati dagli avvocati Salvatore Braghini e Renzo Lancia della CISL SCUOLA.

I due Giudici del lavoro hanno stabilito che i docenti avevano il diritto ad ottenere il trasferimento interprovinciale, già dal 1° settembre 2019, nella sede loro spettante in base al punteggio rettificato. In particolare, il Tribunale di Sulmona ha ordinato all’Amministrazione scolastica di disporre il trasferimento del ricorrente presso l’istituto scolastico Scuola Media di Pescina (e comunque nella Provincia di L’Aquila) per la classe di concorso Arte e Immagine.

Trasferimenti docenti da una provincia all'altra, il Giudice ordina le rettifiche. Ora si rischia l'effetto domino!

In pratica – spiega l’avv. Salvatore Braghini della CISL SCUOLAil Bollettino pubblicato dall’U.S.P. di L’Aquila per la mobilità del personale docente anno scolastico 2019-2020 dovrà essere integrato con le opportune verifiche al fine di fare spazio ai due professori che attualmente risultano ancora nell’organico di diritto della Provincia di Roma.

È evidente che – continua il legale – con riferimento agli insegnamenti interessati si rischia l’effetto domino, perché, si sa, dovendo accontentare un docente in una scuola, come nel caso del professore che ha diritto alla cattedra nella Scuola Media di Pescina (Istituto Comprensivo Fontamara), il docente che è stato trasferito illegittimamente su quella stessa cattedra dovrà essere allocato altrove, e così potrebbero essere coinvolti in successione altri docenti che hanno ottenuto un trasferimento non corretto sulla base dei movimenti effettuati in quella disciplina, anche per l’anno scolastico 2020-2021“.