Torna il sorriso in casa Avezzano Calcio. I lupi battono 1 a 0 la Sangiustese



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano –  In un pomeriggio soleggiato sullo Stadio Dei Marsi, che fa da cornice alla 28° giornata del campionato di Serie D, l’Avezzano è chiamata, per la terza domenica consecutiva, a giocare fra le mura amiche e a scrollarsi di dosso la maledizione delle quattro sconfitte interne di fila. Avversario non facile la Sangiustese del grande ex Cerone, che in tutto il campionato ha collezionato solo tre sconfitte.
Missione difficile ma portata a termine, nonostante l’assenza di titolari come Fanti, Tariuc e Conti squalificati, anche grazie alla voglia e alla grinta del gruppo che regala i tre punti a mister Colavitto, alla sua prima panchina con i marsicani. Esordio da incorniciare, dunque, per il tecnico campano che sembra aver ridato stimoli e motivazione ai giocatori.

La partita non è mai in dubbio, la Sangiustese fatica a creare occasioni e lascia campo ai lupi biancoverdi che, invece, sono particolarmente ispirati. Tre legni colpiti dal migliore in campo, Manari, che lotta per tutta la gara anche contro la sfortuna e realizza la rete della vittoria. Ottima prestazione anche quella di Di Renzo, giovane ma padrone del centrocampo, e del sorprendete Pierantozzi, che non fa mai muovere il bomber avversario Cheddira.

Tre punti che fanno bene al morale e alla classifica, tre punti da cui ripartire per raggiungere l’obiettivo salvezza.

LA PARTITA

La prima emozione della sfida arriva prima del fischio d’inizio del sig. Mucera: commovente minuto di silenzio dedicato a Sergio Ranieri, con tanto di striscione a centrocampo, sorretto dall’undici di casa.

L’Avezzano scende in campo col coltello fra i denti e al 2′ minuto guadagna subito un calcio di punizione. Sulla sfera Kras, che da posizione impossibile nei pressi della bandierina di destra, batte direttamente in porta, troppo facile per Chiodini.
Al 17′ prima grande occasione, Manari riceve in area da un cross, controlla e rientra sul destro ma la conclusione si stampa sul palo. La Sangiustese ringrazia il legno e si salva.
Alla mezz’ora ancora il numero 10 marsicano a rendersi pericoloso, ma il suo destro a giro colpisce la trasversale a portiere battuto.
Dopo un minuto, unico tiro nello specchio degli ospiti con Cheddira che non angola e rende la vita facile a Sinato.
Il primo tempo termina così, i padroni di casa fanno girare bene la palla costringendo gli ospiti a correre a vuoto. Manca solo il gol.

Al 61′ sempre lo scatenato Manari raccoglie una respinta e spedisce il cuoio di nuovo sulla traversa. Sfortunato l’esterno dell’Avezzano.
Passano dieci minuti e Manari deve regolare un conto con la dea bendata, lo fa grazie a un’ottima azione sulla destra dove De Roccis invita Besana ad entrare in area con un filtrante, percussione del terzino che crossa rasoterra al centro dove c’è l’esterno di Sant’Omero che segna l’1 a 0 con un tap-in impossibile da mancare.
Al 79′ squillo ospite con Pezzotti che calcia bene, risponde alla grande Sinato e sulla respinta Ferrante è bravo ad anticipare un attaccante pronto alla battuta a rete.
Un minuto più tardi anche Di Renzo vuole entrare fra i marcatori, le sue speranze si spengono sul guantone di Chiodini, pronto sul destro potente del giovane avezzanese.

Termina così una partita mai in discussione, vittoria meritata dei biancoverdi che dimostrano grande carattere contro un avversario certamente ostico.

IL POST PARTITA

In sala stampa, oltre ai due allenatori, anche il presidente dell’Avezzano D’Alessandro che dichiara: <<È cambiato qualcosa, con Colavitto abbiamo trovato grinta e voglia. Abbiamo messo in difficoltà una signora squadra che non ha mai tirato in porta. Non abbiamo fatto ancora niente, da qui dobbiamo ripartire, convinti verso l’obiettivo. Se ci sarà bisogno di intervenire sul mercato ascolteremo il mister e non ci tireremo indietro. Non possiamo che ringraziare i tifosi per il sostegno verso la squadra che amano. Dedico la vittoria a una persona che non c’è più, un grande tifoso come Sergio Ranieri.>>

Colavitto (allenatore Avezzano): << Ho accettato la sfida perché pensavo di avere un gruppo di qualità, per questo sono venuto qui. Non penso di essere cascato nel buio, il presidente mi ha trasmesso entusiasmo e voglia di uscire da questa situazione. Ringrazio Giampaolo che ha lasciato una coscienza di squadra e personalità nel gruppo. Complimenti a lui, è un tecnico che stimo. Dobbiamo dare il massimo partita dopo partita e ora testa al Francavilla.>>

Senigagliesi (allenatore Sangiustese): <<Avevamo paura di questa partita. Immaginavamo le alte motivazioni dell’Avezzano. Non cambia nulla per noi, siamo nati e cresciuti per la salvezza, dobbiamo continuare, non possiamo mollare dopo questa partita su un campo sempre difficile. Complimenti all’Avezzano che ha meritato di vincere. Mi aspettavo questo clima. >>