Taglio del nastro per il nuovo ufficio immigrazione territoriale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Sono numeri sempre più importanti quelli che presenta il flusso migratorio in ingresso nella Marsica, come complesse sono le realtà connesse. Di pari passo alle politiche sociali e d’integrazione attuate dalle amministrazioni, il lavoro essenziale delle forze dell’ordine per il contrasto all’illegalità, che da ieri può contare su nuovi uffici presso il commissariato di Avezzano, più ampi e più accoglienti, rinnovati anche nell’organizzazione, per rispondere meglio alle mutate esigenze dell’utenza.

A tagliare il nastro, nella mattinata di ieri, il sindaco Giovanni Di Pangrazio con il Procuratore della Repubblica di Avezzano Andrea Padalino e il questore dell’Aquila, Alfonso Terribile. Presenti alla cerimonia d’inaugurazione, con il dirigente del commissariato di P.S. di Avezzano, il Vice Questore Aggiunto dott. Paolo Gennaccaro, i vertici dei comandi locali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il capitano Enrico Valeri e il capitano Antonino Marra; il capo di Gabinetto della Questura Primo Dirigente della Polizia di Stato, dott. Alessandro Gini; il presidente del Tribunale, il dott. Eugenio Forgillo; il sindaco di Luco dei Marsi, Domenico Palma; don Vincenzo e la sig.ra Lidia Di Pietro, responsabile del servizio Migrantes della diocesi di Avezzano. Concordi i rappresentanti istituzionali circa la necessità di continuare ad operare congiuntamente per fornire all’utenza assistenza e servizi migliori, favorendo al contempo l’attività di contrasto ai fenomeni d’illegalità e, agevolando il lavoro degli operatori e la comunicazione tra i diversi organi, rendendo il territorio più sicuro e accogliente per tutti.

Il rispetto per gli altri, che in questo caso spesso hanno come bagaglio una storia di povertà e di dolore, deve includere allo stesso tempo rispetto per quello che noi siamo, come Nazione, come tradizione, per la nostra Storia”, ha detto don Vincenzo, procedendo alla benedizione dei locali, “ il cardine fondamentale è il rispetto tra le varie identità. Invito tutti a ricordare la motivazione: spesso ci si dimentica del ‘perché’ e il ‘come’ diventa più scadente, facciamo male quanto dobbiamo, con stanchezza. Soprattutto voi, servitori dello Stato, non dimenticate la meta, la motivazione, che è un miglioramento del vivere sociale, come per me è lo sguardo che mi porta a pensare al ‘vero futuro’ oltre al futuro, quello che è oltre questa vita mortale. Cerchiamo di essere sempre vivi nel cuore, sorridenti, di affrontare le cose che si fanno con contentezza, distribuendo sorrisi: siate madri e padri sorridenti, sindaci e operatori delle forze dell’ordine sorridenti, per svolgere meglio i compiti quotidiani in armonia ed efficacemente”.

Riprendendo le parole del Questore, don Vincenzo ha concluso: “ Siamo cristiani e dobbiamo esserne fieri, esserlo sempre più fortemente, il che non significa non rispettare le fierezze degli altri. Le varie fierezze vanno a confliggere quando dall’altra parte c’è una debolezza, una insincerità, un vuoto. Essere più fortemente identitari non significa andare a scontrarsi con le varie identità, bensì crescere in pace nel rispetto reciproco”.




Lascia un commento