Stelle in Jazz a Luco dei Marsi, tornano le alchimie musicali del Venanzio Venditti Quartet



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi – Torna uno degli appuntamenti più attesi delle Vacanze luchesi, quello che condensa le ispirazioni e le atmosfere attinte in particolare dalla tradizione dello scintillante jazz colto e composito degli anni ’50 e ’60, declinate dal talento del Venanzio Venditti Jazz Quartet in composizioni originali e sempre ammalianti. 

L’appuntamento con “Stelle in Jazz” e la formazione proposta da Venanzio Venditti, sassofonista/composer e musicista di consolidata fama, è per la serata di oggi, sabato, 24 luglio, alle 21, in piazza Umberto I a Luco dei Marsi. Formazione deluxe per il primo jazz nel territorio dopo l’obbligato stop per la pandemia, con Venanzio Venditti, sax Tenore e Soprano, affiancato da Raffaele Pallozzi, pianoforte, Marco Di Marzio, Contrabbasso, Roberto Desideri,  Batteria. Tra i principali modelli stilistici di riferimento del repertorio del Venanzio Venditti Jazz Quartet, le tessiture armoniche e ritmiche dell’Hard bop e del Cool jazz così come espresse nelle narrazioni musicali di artisti come Stan Getz, John Coltrane, Sonny Rollins, Dexter Gordon e Johnny Griffin, per citarne alcuni. 

“Il Venanzio Venditti Jazz Quartet non manca mai di avvincere il pubblico con sonorità e interpretazioni straordinarie”, ha rimarcato la sindaca Marivera De Rosa, “questo rappresenta un appuntamento musicale che ci riporta il respiro internazionale e senza tempo della grande musica jazz, in un incontro sempre diverso da sé stesso e sempre suggestivo, che tocca nel profondo ogni ascoltatore, anche i profani del genere. Invito tutti a partecipare”. 

Venanzio Venditti inizia gli studi di sassofono e pianoforte  al Conservatorio aquilano “A. Casella”. Dopo la formazione classica il suo interesse si volge all’armonia e all’improvvisazione e, quindi, al Jazz, a cui si dedica con la frequentazione dei corsi della Scuola Popolare di Musica del Testaccio a Roma e, al contempo, con la partecipazione a numerosi seminari tenuti sia nella capitale che altrove da musicisti di fama internazionale – come George Garzone, Bob Berg, Rick Margitza, Jerry Bergonzi, Michael Brecker e David Liebman per citarne alcuni – conseguendo anche l’attestato e il Diploma di Perfezionamento in Jazz all’Accademia Romana di Musica. Nel corso della sua attività  ha tenuto concerti in Italia, Europa, Nord Africa e Stati Uniti d’America, dove si è esibito anche nell’“Italian Jazz Days” a New York. Venanzio Venditti, che pubblica con la casa discografica Philology, annovera numerosissime collaborazioni con musicisti e formazioni di rilievo, dall’esperienza del “Venanzio Venditti Quartet feat Mike Karn e Jerome Jenning” al Trio di Mike Melillo, da special guest, a Eddy Palermo, Adam Pache, Roberto Gatto, Renzo Arbore, Nicola Arigliano, Fabrizio Bosso, Andy Gravish, Antonio Ciacca, Dario Deidda, Karl Potter, Mike Karn , Jerome Jenning, Rick Margitza, Steve Grossman, Francesco Puglisi, Fabrizio Sferra, Nicola Angelucci, Gegè Munari, Luca Mannutza, Maurizio Giammarco, Cicci Santucci, Giorgio Rosciglione e Danilo Rea tra gli altri.