Sprechi d’acqua potabile, aumentano controlli e sanzioni a Capistrello



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Capistrello – Conosciamo perfettamente l’entità della crisi idrica che ha investito tutto il territorio marsicano durante l’estate 2020. A seguito della scarsità di risorse idriche il CAM è stato costretto da alcune settimane a ridurre i flussi e ad applicare regimi di turnazione in numerosi Comuni della Marsica. A causa dell’emergenza in corso, l’amministrazione comunale di Capistrello, di concerto con il Consorzio Acquedottistico Marsicana, si è vista costretta, proprio in questi giorni a intensificare i controlli su tutto il territorio.

Per evitare che l’acqua destinata all’uso potabile e civile venga illegittimamente utilizzata per innaffiare orti, giardini, lavare autoveicoli e cortili domestici, sono in atto dei controlli che possono portare la Polizia Locale a emettere sanzioni il cui ammontare può raggiungere la somma di 500 euro. Alcune persone sono state già sanzionate. Gli amministratori si augurano che tutti abbiano comportamenti virtuosi, in modo da evitare ulteriori interventi sanzionatori.

LEGGI ANCHE:

Emergenza idrica nella Marsica, sono 21 i Comuni costretti alla turnazione