Spaccia cocaina: marocchino in manette a Borgo Ottomila



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Un cittadino marocchino è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: si tratta di Youssef Aariss, immigrato 26enne, irregolare sul territorio nazionale e senza fissa dimora, tratto in arresto dai militari della Stazione Carabinieri di San Benedetto dei Marsi.

I movimenti sospetti dello straniero, a Borgo Ottomila, non sono sfuggiti ai militari, impegnati in uno specifico servizio di controllo del territorio, disposto dalla Compagnia di Avezzano e  finalizzato alla prevenzione e repressione dello spaccio di droga. I Carabinieri, avendo acquisito fondate notizie circa un’attività di spaccio condotta da cittadini marocchini nei pressi di un immobile in disuso a Borgo Ottomila, hanno avviato un’attività di osservazione dello straniero, ne hanno tracciato i movimenti, e una volta riscontrato che nei pressi dello stabile fosse occultato dello stupefacente, hanno deciso di richiedere il supporto di unità antidroga del Nucleo Cinofili Carabinieri di Chieti e procedere alla perquisizione che permetteva di rinvenire, occultati sottoterra all’interno di un barattolo in vetro, più di 10 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, e 10 grammi di hashish, tutto già suddiviso in dosi e pronto per lo spaccio, nonché un bilancino di precisione e materiale atto al confezionamento della droga.

Il marocchino veniva dichiarato in stato d’arresto e tradotto presso il carcere di Avezzano su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano.




Lascia un commento