Simone Coccia Colaiuta e la passione per la storia. A casa sua il museo mobile sulla Grande Guerra

L’Aquila – Simone Coccia Colaiuta, ex spogliarellista, ex concorrente del Grande Fratello e compagno dell’onorevole Stefania Pezzopane, ha una grande passione, la storia.

Negli ultimi vent’anni è riuscito a raccogliere libri, pubblicazioni, giornali antichi e reperti sulla Grande Guerra, tutti meticolosamente raccolti e conservati in un piccolo museo mobile allestito tra le mura della sua casa.

Il museo mobile sulla Grande Guerra è un progetto ideato e messo in cantiere da me, con lo scopo di far girare in tutta Italia non solo la storia e la cultura del nostro paese, ma pensando soprattutto al fatto che ci sono moltissime persone in tutta Italia che nella loro vita non hanno mai avuto la possibilità di realizzare il proprio sogno di poter andare una volta nella loro vita a far visita nei musei presenti nelle regioni in cui venne combattuta la guerra di trincea per motivi come ben sappiamo legati ad una mancanza economica, ad una disabilità, anzianità e tanto altro, e magari chi ha avuto un pezzo del proprio cuore volato la su, nei cieli dei sacri Monti. Bene, con me questo sogno diventerà realtà perché sarà il museo a venire da te!!!” commenta Colaiuta su Facebook.

Tutti quanti noi abbiamo un forte legame con il nostro passato non solo per quanto riguarda il nostro orgoglio di essere italiani, ma anche perché molti di noi avranno avuto sicuramente un nonno, un bisnonno che ha combattuto la Grande Guerra, e attraverso questo museo mobile all’interno del quale oltre ad esser presente una vastissima esposizione di cimeli, è possibile ripercorrere il nostro passato anche attraverso una biblioteca dove poter sfogliare e leggere libri antichi e moderni relativi al tema sopracitato, un laboratorio dove poter assistere ad un restauro di un reperto, ed una sala con un video proiettore che illustrerà foto e video inediti della Grande Guerra. Il museo sotto casa tua” conclude Simone Coccia Colaiuta.

Anche Stefania Pezzopane “sponsorizza” l’eccellente lavoro di studio e ricerca del suo compagno commentando sui social: “una bella idea di Simone”.