Siepe decimata, alcuni residenti insorgono a Largo Fiasca



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Taglio netto alla siepe in Largo Valerio Fiasca, all’incrocio tra via Sant’Andrea e via Garibaldi, un gruppo di residenti insorge. Già in passato la stessa siepe era stata al centro di una polemica, in quanto il comitato di quartiere aveva dato vita a una petizione oltre che per sollecitare il Comune alla messa in sicurezza di alcuni sampietrini, deteriorati dal tempo, anche per il taglio della siepe, che trovandosi a pochi centimetri dalle abitazioni, spesso diventa un “covo” di insetti e addirittura di zecche.

Questa volta, la polemica si sposta sul taglio della siepe, che in un primo momento è stata curata dagli operai dell’impresa incaricata dal Comune, che l’ha potata a “regola d’arte” ma dopo pochi giorni è stata praticamente “decimata”. A quanto segnalato a Terre Marsicane da alcuni residenti, quando pochi giorni fa sono arrivati degli operai, per il secondo taglio, probabilmente sollecitato da qualche abitante della zona, c’è stato anche un battibecco tra alcune persone che abitano a ridosso della piazzetta. “La siepe è stata tagliata di un terzo dell’altezza”, scrive un uomo nella sua segnalazione, “non è questo il periodo per un taglio del genere.

La siepe ora sicuramente morirà, le piante si seccheranno perché non potranno più germogliare. Qui abitano molti anziani, siamo in prossimità di un incrocio molto trafficato, dove i gas di scarico delle auto sono spesso insopportabili, il verde sprigiona ossigeno, ci chiediamo come sia stato possibile che una cosa del genere accadesse, probabilmente per compiacere solo qualche residente”.




Lascia un commento