Sicurezza stradale Basile, Movimento delle periferie, chiede un incontro con il commissario di Avezzano Passerotti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Francesco Basile coordinatore di Frazioni e Periferie  “FUORICENTRO” chiede un incontro con il commissario straordinario di Avezzano Mauro Passerotti per segnalare una serie di problemi relativi alla sicurezza e viabilità di via San Francesco, della SR5 (ingresso San Pelino), dell’ingresso di via Napoli dall’uscita della superstrada, dell’inversione del senso di marcia di via Sabotino, in quanto risultano molto pericolosi ed hanno causato una serie di incidenti a causa della forte velocità.

Così integralmente il comunicato stampa di Francesco Basile coordinatore  del movimento Frazioni e Periferie, “FUORICENTRO” 

…… Dalla “guerra lampo” al mercato delle vacche, nella politica avezzanese, il passo è sempre breve. Le ragioni, ripetiamo sempre, sono almeno un paio: 

  1. a) le scelte essenziali – quelle opportunistiche, e le alleanze con personaggi voltagabbana; 
  2. b) la qualità della classe politica avezzanese è di infimo livello (anche a causa del punto precedente).

Quello che leggiamo sui giornali oggi, è un continuo saltello di spregiudicati comici prestati alla politica, rinnegare era la parola che mancava al precedente comunicato stampa, tavoli imbanditi per far aderire di tutto e di più. 

«È stucchevole il continuo sciacallaggio politico di alcuni partiti sempre pronti con i loro comunicati, tanto intrisi di frustrazioni personali quanto poveri di soluzioni, a fomentare un clima di risentimento dal quale Avezzano non può trarre alcun miglioramento».

Un blocco granitico, quale il CDX, che in teoria non dovrebbe accettare di essere scalfito nei fatti, rigetta tutto ciò che è “altro”, diverso. Tutto ciò che è dissenso. Da qui, per fare una sintesi, l’avversione nei confronti di alcuni personaggi politici, delle voci non allineate, compreso alcuni commentatori politici, e di conseguenza una certa predilezione per le teorie del complotto al fine di spiegare quelle realtà che non coincidono con la narrazione veicolata da quei personaggi-leader accolta dalla comunità di riferimento. Questi tuffi con il doppio avvitamento carpiato in avanti che sono effettuati per prendere le distanze da quegli esponenti politici che precedentemente hanno governato, apportano ancor di più confusione per non generare nulla, ma solo risentimento.

Alt, tutti indietro, RIPARTIAMO DA ZERO, questo dovrebbe essere il proclama oggi per far sì che le varie delegazioni rinsaviscano e partano da un programma unitario che possa migliorare la nostra Avezzano, che davvero ne ha bisogno.

FUORI CENTRO, la quale caratteristica, in senso generale, è di avere una propria organizzazione snella di dimensione locale (il territorio come identità primaria). Abbiamo constatato che pur non avendo bisogno di tavoli allestiti in piazza, da alcuni giorni sono arrivate tantissime adesioni.

FUORI CENTRO precisa quanto segue:

  • Propone, anzitutto, per la prossima tornata elettorale 2020 ad Avezzano, un proprio candidato a Sindaco, il quale dovrà avere le caratteristiche di un personaggio di spicco, stimato nell’ambito locale che darebbe sicuramente lustro alla nostra città, il quale verrebbe sostenuto da alcune liste, ciò è emerso nel corso di una riunione con i delegati delle altre liste. L’anello di congiunzione di queste liste civiche è quello di una autonomia rispetto ai partiti tradizionali, con un programma che mira ad affrontare e risolvere i problemi che affliggono la nostra città. Inoltre, la presenza nelle liste di candidati facenti parte anche della società civile, ovvero personaggi stimati (imprenditori, professionisti, sportivi, ecc…) ma che non si sono in precedenza impegnati nell’attività politica daranno ancora di più forza al programma.

FUORI CENTRO ha chiesto da più settimane un incontro con il Commissario Straordinario Passerotti per la soluzione di alcuni problemi. Attendiamo.