Si conclude con successo la rassegna “Calendario d’Arte”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Celano –  Un grande impegno artistico quello offerto ai propri concittadini, e non solo,  dall’ Amministrazione del Comune di Celano, Primo Cittadino Settimo Santilli,  supportata dalla Agenzia  Ferrini Spettacoli e dalla Pro loco, la rassegna di eventi  “Calendario d’Arte“.

Tanti i nomi che si sono esibiti sul palco della splendida sala dell’Auditorium Enrico Fermi, alcuni per tutti: Katia Ricciarelli, Don Backy, Cristina d’Avena, N’Duccio. Una rassegna concepita per soddisfare le varie esigenze del pubblico dai più piccoli: dallo spettacolo circense al concerto con la banda, dall’ esibizione del mago  a quella della storia del pop-rock.

Un’occasione per gli spettatori di godere della struttura dell’Auditrium, grazie ad una significativa valenza artistica, peccato che la conformazione architettonica impedisca una  maggiore presenza di pubblico.

assessore celanoE’ stata una operazione importante per Celano – dichiara il delegato al settore Turismo e Spettacolo Antonio Di Renzo Un’esperienza nuova anche per l’amministrazione comunale poter realizzare un cartellone di così grande interesse. La prospettiva è di coinvolgere sempre di più  i nostri cittadini, ma anche i marsicani tutti, ad avvalersi di eventi artistici di rilievo. Inoltre, l’obiettivo è anche di poter  far vivere il nostro Auditorium che merita di essere sempre più valorizzato ed ammirato.”

Fabrizio Ferrini, responsabile dell’agenzia Ferrini Spettacoli, ha messo a disposizione la propria esperienza nel settore. “Sono state delle belle serate, un particolare successo l’ha ottenuta quella che ha visto protagonista Don Backy, uno straordinario settantenne che non ha deluso i propri ammiratori.  Devo dire che un gran plauso va alla Amministrazione del Comune di Celano, che ha voluto fortemente dare un segnale di importante interesse culturale al proprio territorio, per la prima volta.”

L’attesa per la prossima edizione resta viva nell’interesse generale.



Lascia un commento