Scuole sicure a Tagliacozzo. 5 Stelle: “Basta diatribe adesso, fare e non solo parlare”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. A seguito del botta e risposta seguito al consiglio comunale straordinario sul tema della sicurezza nelle scuole a Tagliacozzo, Massimiliano Orsini, portavoce del locale Movimento 5 Stelle, sottolinea come era già dal 2014 che gli esponenti del suo gruppo facevano istanze sulla sicurezza.

Richieste protocollate in Comune a cui non c’è mai stato seguito e che oggi più che mai vanno ricordate. Orsini fa notare come l’argomento sia datato nella città dell’Obelisco e come sia giunto il momento di scendere in campo con iniziative concrete che annientino i continui “balletti politici”.

La nota diffusa alla stampa:

Il giorno 11/09/2014 il gruppo locale Tagliacozzo 5 stelle ha presentato un’istanza con protocollo 10244, in merito alla richiesta fondi attraverso l’8×1000 del gettito IRPEF da destinare ad interventi di adeguamento antisismico ed efficentamento energetico degli edifici scolastici comunali  indirizzato a tutti i consiglieri di opposizione e di maggioranza, della Giunta presieduta da Maurizio Di Marco Testa, la stessa istanza è stata presentata il 15/07/2016 con protocollo 7895.

In questi anni, anche a seguito del grave terremoto dell’Aquila non ci è sembrato di notare una particolare attenzione al problema dell’inagibilità delle scuole e al posizionamento di adeguata segnaletica rivolta a tutta la popolazione né dalla maggioranza né dall’opposizione in modo compatto.

Non vogliamo inserirci nel balletto di botta e risposta cui abbiamo assistito nel recente Consiglio Comunale straordinario ma vorremmo ricordare a tutti che la sicurezza non è un tema che riguarda solo le strutture scolastiche ma tutta la popolazione poiché:

  • Nel 2014 è stata disattesa l’istanza con protocollo 10752 del 25/09/2014 con la quale si richiedeva l’istallazione della segnaletica che indicavano le aree di accoglienza, di ammassamento, il C.O.C. e il C.O.M. come richiesto dalla Regione Abruzzo con Delibera di Giunta n. 811 del 11 novembre 2011
  • Il campo sportivo “Leo Attili” risulta area censita come strategica e in caso di calamità naturale luogo di ammassamento dei civili, in più è l’attuale area di atterraggio di elicotteri in caso di soccorso

Nessuno nega, non saremo certamente noi a farlo, che si svolga un dibattito politico anche acceso ma a fronte di argomenti come quello in questione chiediamo sia a maggioranza che ad opposizione che vengano messi da parte rancori e diatribe, perché non vorremmo che un eventuale a non prevedibile evento sismico possa portare pesanti ripercussioni alla nostra cittadina e a tutti i suoi abitanti.

Prevedere un terremoto non è ancora possibile ma possono essere messe in atto misure di prevenzione che attualmente sono già definite per legge.

Ecco le istanze del Movimento 5 Stelle:

istanza-8×1000-2016

istanza-urgente-8-per-mille-edilizia-scolastica-1

protocollo-istanza-delibera-811

 

 




Lascia un commento