La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » Scandire il tempo all’ombra del Velino: il calendario e la serie dei consoli romani nei Fasti dipinti di Alba Fucens

Scandire il tempo all’ombra del Velino: il calendario e la serie dei consoli romani nei Fasti dipinti di Alba Fucens

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Massa D’Albe – La parola deriva da fas, che significa “ciò che è permesso”, cioè “ciò che è legittimo agli occhi degli dèi”. Con questo termine dal latino plurale (dies) fasti = giorni propizi, adatti, si intendono i giorni in cui il pretore poteva amministrare la giustizia o si potevano condurre affari senza essere considerati empi ed erano contrapposti ai giorni nefasti, (dies nefasti) , durante i quali ci si doveva astenere dal trattare gli affari, né si potevano riunire assemblee o tribunali.

Fasti Diurni erano divisi in urbani e rustici, e contenevano le divisioni del mese, le date e le indicazioni per le cerimonie religiose, per i giudizi, per i giorni di mercato, ecc. e venivano esposti nel Foro all’inizio di ogni mese, giorno che per questo motivo è stato chiamato Calendae (dal latino calare=”chiamare, convocare”). Questi Calendaria, come erano ufficialmente chiamati, erano di competenza del Collegio dei Pontefici e del Pontefice Massimo. Contenevano anche la lista dei magistrati eponimi (fasti consolari) o l’elenco dei trionfi militari (fasti trionfalia). Il calendario romano, o calendario pre-giuliano, include i calendari che furono in uso nella Roma antica dalla sua fondazione fino all’avvento nel 46 a.C. del calendario giuliano. Secondo la tradizione, il calendario romano fu istituito nel 753 a.C. da Romolo, fondatore di Roma: subì diverse modifiche nel corso dei secoli fino ad essere sostituito nel 46 a.C. dal calendario giuliano promulgato da Gaio Giulio Cesare, che portò la durata dell’anno a 365 giorni e introdusse l’anno bisestile. la riforma attuata da Giulio Cesare, allora pontefice massimo, che si avvalse delle conoscenze del celebre astronomo e matematico alessandrino Sosigene le riforme al calendario giuliano furono completate sotto il suo successore Augusto, che lo rimise in ordine dopo le guerre civili. Il suo calendario, con le correzioni di papa Gregorio XIII nel 1582, è ancora quello attualmente in uso.

Sono stati ritrovati diversi Calendaria come:

– I Fasti Anziati (Fasti Antiates), calendario romano murale affrescato risalente alla fine dell’età repubblicana. Questo calendario, scoperto nel 1915 a Anzio è la più antica copia rinvenuta di calendario locale e l’unica risalente a prima dell’introduzione del calendario giuliano, essendo stato realizzato tra il 67 e il 55 a.C. Riportavano tredici mesi, ovvero, oltre i dodici mesi da gennaio a dicembre, prevedeva un mese addizionale. I mesi erano divisi in calende, none e idi e le settimane erano di otto giorni.

– il calendario di Preneste (Fasti Praenestini), scoperto nel 1770, elaborato Verrio Flacco in età augustea, che contiene i mesi di gennaio, marzo, aprile e dicembre, e una parte di febbraio. Era un calendario rurale inciso in forma epigrafica su marmo e rinvenuto a Praeneste (Palestrina).

In altre parole i Fasti Anziati e i Fasti Prenestini hanno segnato il tempo prima e dopo la riforma di August, il quale, proprio perché anche Ponteficex Maximus poté modificare l’organizzazione del tempo introducendo le festività in suo onore e della domus augusta (al contrario, prima erano riportate solo le feste in onore degli dei) e utilizzandoli, dunque, anche a fini propagandistici.

Oltre tali Fasti, conosciamo anche i Fasti Amiternini e i Fasti Albenses, novità assoluta perché scoperti solo nel 2011 ad Alba Fucens da un’equipe  di archeologi belgi ed esposti recentemente nella mostra per la celebrazione del bimillenario di Augusto nel Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo. I Fasti Albenses sono uno raro esempio di calendario dipinto su intonaco posteriore alla riforma di Cesare del 46 a.C. I numerosi frammenti appartenevano a un grande quadro su una parete di un portico a nord della basilica dell’antica città.

PROMO BOX

Avezzano ritrova i nomi delle vittime dei bombardamenti di 80 anni fa: a loro sarà dedicato un monumento
L'associazione "360° solidale" dona un PC al reparto Pediatria dell'ospedale dell'Aquila
Antonio Fasulo presenta ad Avezzano i suoi "Giardini del male", libro proposto al Premio Strega Poesia 2024
Luce e gas, flop mercato libero: "bollette più care
Il Portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini ospite del Consiglio dei Bambini e dei Ragazzi del Comune di Avezzano
immagine celebrazioni a teatro
Comune di Celano
SICUREZZA 3
pallone-da-calcio
In arrivo dal Mit 37,19 milioni di euro per 6 nuovi treni per l'Abruzzo
Divieto di utilizzo, per consumo umano, dell'acqua della fontana di via Fonte Vecchia a Pereto
IMG-20240522-WA0004
Sacchi neri lasciati davanti alla sede della CRI di Carsoli: "Un'indecenza, vestiario e giocattoli vanno consegnati di persona e controllati"
I quadri di Florales a Magliano de' Marsi svelati dalla Pro Loco: saranno realizzati per la festa del Corpus Domini
Il 1° Giugno a Pescina lo spettacolo dei ragazzi dell'Anfass di Celano in onore di Sabina Santilli
Marsica ed Europa: un incontro per riflettere sulle prossime elezioni con il giovane giurista avezzanese Andrea Minieri
Trasacco commemora la Strage di Capaci con una targa dedicata a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli agenti caduti
problema-acqua-in-italia
Al Santuario dell'Oriente la festa della Madonna di Fatima con l'antichissimo "Inno Akathistos"
ferrovia Roma-Avezzano
asma
Cunicoli di Claudio, Santangelo: “2,3 milioni per valorizzare il parco archeologico”
Comune di Celano
Restaurata la base processionale del busto di San Berardo di Pescina

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina