Sanità marsicana, una priorità per il governo regionale. Un nuovo ospedale, lavori di adeguamento pronto soccorso di Avezzano con bed manager per evitare la carenza cronica dei posti letto



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Si è svolto ieri, martedì 21 dicembre, un incontro presso l’Ospedale di Avezzano alla presenza dell’Assessore regionale alla sanità Nicoletta Verì, del Manager della ASL aquilana Roberta Testa e del direttore sanitario Simonetta Santini, per parlare delle problematiche più urgenti da affrontare per la sanità marsicana. Era presente all’incontro anche il responsabile del Pronto Soccorso di Avezzano, Carlo Rodorigo, i consiglieri regionali Simone Angelosante (Lega) e Giorgio Fedele (M5S), nonché Sindaci di più Comuni marsicani.

Durante l’incontro, il Governo Regionale ha manifestato la propria intenzione di portare avanti il progetto per il nuovo ospedale della Marsica.

L’incontro ha permesso, però, di affrontare i disagi che vivono ogni giorno i cittadini marsicani. In particolare, sono state affrontate le problematiche della struttura di Avezzano, tra le quali il fenomeno dell’affollamento e la carenza di posti letto e di personale.

Sanità marsicana, una priorità per il governo regionale. Un nuovo ospedale, lavori di adeguamento pronto soccorso di Avezzano con bed manager per evitare la carenza cronica dei posti letto

In riferimento a queste problematiche, il responsabile del Pronto Soccorso di Avezzano Carlo Rodorigo, ha spiegato:

“L’Overcrowding (affollamento) è qualcosa che si verifica due volte l’anno in periodi di freddo, in cui c’è un massimo afflusso legato all’influenza, e in periodi di caldo, quando esso non permette alle persone anziane di avere una vita tranquilla.

Per quanto riguarda, invece, il problema della ospedalizzazione, abbiamo un ospedale che deve rispondere a un territorio di 130 mila persone con 222 posti letto attivati. Questo mi sembra un po’ difficile. È un po’ difficile che gli acuti che vengono al Pronto Soccorso e che vanno ospedalizzati debbano essere ricoverati soltanto in questa struttura. Dico questo perché ci capita di chiedere posti letto per poter trasferire persone in altri ospedali, come per esempio quello de L’Aquila, e purtroppo essi, come noi, ne sono sprovvisti”.

Riguardo alla problematiche dei posti letto, il responsabile del Pronto Soccorso ha anche segnalato una gestione di essi che sembra poco ottimale affermando:

“Parte dei posti letto vengono gestiti dai reparti, cioè dai medici del reparto, e quelli che sono deputati all’urgenza sono pochi. Proprio per questo motivo, anche l’Ospedale de L’Aquila, qualche sera fa, ha dovuto trasferire pazienti, con 400 posti letto disponibili.

Proprio per una migliore gestione si è fatto un documento in cui si chiede l’istituzione di un bad manager, cioè una persona che può essere anche non medico che gestisce i posti letto, che ha una visione minuto per minuto di quelli che sono i posti letto a disposizione per il Pronto Soccorso”.

All’incontro è intervenuto anche il Sindaco di San Benedetto Dei Marsi, Quirino D’Orazio, il quale ha rappresentato le difficoltà riscontrate riguardo alla sanità dai cittadini del suo Comune e di quelli limitrofi, evidenziando il valore che hanno sul territorio i presidi di Pescina e Tagliacozzo, affermando:

“Tra le varie problematiche, sentendo i colleghi vicini dal punto di vista territoriale, si faceva presente anche l’esigenza di potere dare modo a quei piccoli presidi sanitari, come quelli di Pescina e di Tagliacozzo, di mettere a disposizione tutte le strutture che hanno, quel poco personale che ovviamente gli resta, e soprattutto di poter mettere in funzione quei macchinari costosissimi che purtroppo restano inutilizzati dentro queste strutture”.

Poi ha aggiunto:

” Io ricordo bene anche la proposta dell’ex ministro Barca per poter valorizzare quei presidi sanitari all’interno delle aree interne del nostro Abruzzo. Sappiamo e conosciamo benissimo qual è la nostra geografia territoriale e ci auguriamo che da quel punto di vista possa essere prelevato qualche buon canale finanziario proprio per poter mettere a disposizione queste strutture che già esistono per poter dare qualche risposta concreta nell’immediatezza. Ci auguriamo insomma che si dia qualche risposta a tutti coloro che soffrono problemi sanitari.

Sotto il punto di vista legale mi capita troppo spesso dei casi in cui pazienti o clienti vengono parcheggiati proprio perché impossibilitati a ricevere prestazioni di primaria necessità. Credo che questo sia uno dei punti cardini perché si debba intervenire in maniera preminente. Vediamo una situazione davvero imbarazzante e credo che casi come questo in una nazione come la nostra nel 2020 non debba più capitare”.

Il Consigliere di opposizione del M5S, Giorgio Fedele, invece, così ha commentato:

“Grazie alle domande insistenti che il Movimento 5 Stelle ha posto all’Assessore fin dall’inizio della legislatura, e da me ripetute nuovamente nel corso della riunione, la Giunta regionale ha preso degli impegni con la cittadinanza, e adesso avrà il dovere di rispettarli. Innanzitutto è stato confermato come la realizzazione di un nuovo Ospedale ad Avezzano sia la priorità. Inoltre, l’Assessore ha dichiarato che farà di tutto per evitare di dover ricorrere al project financing, una procedura sbagliata e contro la quale siamo pronti a opporci con tutte le nostre forze. Si tratta, ad ogni modo, di una dichiarazione di intenti che aspettavamo da mesi e che mette il centro destra di fronte alle proprie responsabilità di governo. Ora attendiamo di conoscere le tempistiche di intervento. Sappiamo, infatti, che per tutto il 2020 non si muoverà una foglia in tema di edilizia sanitaria, dal momento che nessuno intervento è stato inserito negli atti di programmazione dell’anno appena iniziato. Per questo chiediamo velocità affinché quanto dichiarato dall’Assessore non rimanga carta straccia”.

“A questo punto gli alibi sono finiti e di scuse per non intervenire non ce ne sono più. Continuerò a tenere alta l’attenzione al riguardo e pretenderò che si passi ai fatti con la velocità e l’urgenza che la situazione richiede. I cittadini della Marsica non possono più aspettare per le soluzioni che invocano, inutilmente, da anni. Ora metteremo alla prova il centro destra e vedremo se, dopo un anno di immobilismo, inizieranno a portare a casa qualche risultato”.

Simone Angelosante (Lega) ribadisce la volontà del governo regionale nel portare avanti il progetto per il nuovo ospedale della Marsica, a servizio di uno dei territori più densamente popolati della nostra regione, “il progetto Marsicano è divenuto prioritario a livello regionale”.Tra gli altri argomenti il Manager ha parlato del Pronto Soccorso annunciando lavori di adeguamento strutturale e soprattutto l’istituzione del “Bed Manager” ospedaliero figura che dovrà garantire la corretta occupazione dei posti letto ospedalieri riservando un numero di posti stabili al pronto soccorso onde evitare la carenza cronica dei posti. Verrà inoltre istituito il “fast tracking” che è una modalità che consente la rapida gestione di ricoveri e dimissioni.