“Sacrificare l’Università per salvare il Tribunale? Un inutile azzardo”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano– “Indirizzare i fondi dell’Università per salvare il Tribunale di Avezzano sarebbe l’ultima idea dell’Amministrazione comunale del capoluogo marsicano annunciata sui quotidiani nei giorni scorsi, anzi meglio dire dall’esternazioni dell’attuale Sindaco rese in pubblica riunione e giammai smentite a domanda diretta della stampa. Un’idea che mostra innanzitutto il limite del procedere con affanno e probabilmente nella consapevolezza che il tempo sta scadendo se non sia addirittura già scaduto”. E’ quanto si legge in una nota inviata dalla Coalizione Di Pangrazio.

“Un’idea, soprattutto, che ha un limite di prospettiva, a nostro avviso preoccupante. Togliere i fondi all’Università significa disinvestire sul futuro dei giovani e nell’indotto che questa realtà crea, affitti delle case, negozi e attività connesse all’attività universitaria oltre al naturale arricchimento culturale che si produce autonomamente in tutte le città sede di ateneo. Ma non solo. Questo togliere i fondi significa far naufragare alcun progetti di sviluppo dell’attività universitaria ad Avezzano che sono strettamente connessi con le vocazioni di questo territorio, se si pensa che le attuali spese per mantenere in vita l’Università sono diminuite notevolmente rispetto  al passato grazie all’intervento della precedente amministrazione, pur mantenendo un ottimo servizio”.

“Ad Avezzano con l’università a breve termine debbono aprire due corsi di agraria e dell’agroalimentare. Sono attività – ci spiega l’ex Sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio – che sono state programmate dalla vecchia amministrazione che ha proceduto a ristrutturare i locali nel Palazzo Torlonia dove era l’Arssa. Significa non solo avere facoltà legate al territorio ma soprattutto strutturare una filiera positiva e di prospettiva a tutto vantaggio dei giovani. Togliere i fondi all’università significherà togliere prospettive ai nostri ragazzi che non possono permettersi di frequentare altrove, vista che l’ultima normativa sull’università, a livello nazionale, vieta da ora in poi l’apertura di nuove facoltà distaccate e di nuovi atenei”.

A dare una lettura anche sulla questione Tribunale di Avezzano è l’ex assessore all’ambiente del Comune di Avezzano, l’avvocato Roberto Verdecchia: “”Dobbiamo assolutamente scindere questi due discorsi. L’Università ha dei programmi e degli obiettivi per il futuro. Il Tribunale assurge ad un problema politico a livello nazionale e se la volontà del Governo centrale sarà quella di chiudere e trasferire il personale altrove, non ci saranno possibilità, ma vedo che si continua a fare semplice demagogia. Si rischia di far pagare ai cittadini, o sotto forma di tasse o attraverso la chiusura dell’università, una sorta di chimera che non avrà alcuna soluzione reale se non muterà la legislazione nazionale. In prospettiva, peraltro, mi preme sottolineare che è sempre più concreta la telematizzazione del procedimento giudiziario, sia civile (già attuale in grandissima scala) che penale e degli altri settori, oltre al fatto che molti parlano già di ulteriori riduzioni delle sedi di tribunali”.

“Insomma, si rischia di fare il solito investimento all’italiana dove si premia il contingente e l’urgenza senza guardare all’effettiva valenza di un impegno del genere ed a tutto danno del futuro dei giovani. Se si vuole realmente provare a salvare il Tribunale di Avezzano, ammesso e non concesso che ciò sia ancora possibile, si dovrebbe provare a costruire una forza di pressione a livello politico nazionale soprattutto in vista delle elezioni imminenti ed evitare di continuare  con gli inutili “viaggetti” di rappresentanza a Roma per sentirsi dire ciò che più si ama sentirsi dire, ovvero “”voi vi salverete gli altri fori no””, quando l’attuale volontà politica è già stata espressa e chi doveva tutelarci durante il governo Monti diciamo pure che, o non è stato attento o non c’era proprio nonostante la sua elezione””.




Lascia un commento