Riparte la stagione sciistica in Abruzzo, l’Arma dei carabinieri in prima linea



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Riparte la stagione sciistica in Abruzzo, l’Arma dei carabinieri in prima linea
Riparte la stagione sciistica in Abruzzo, l’Arma dei carabinieri in prima linea

Dopo più di un anno di chiusura delle stazioni sciistiche a causa del virus covid-19, da pochi giorni hanno riaperto gli impianti di sport invernali del comprensorio abruzzese.

Il Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila, attraverso le stazioni territoriali presenti nei maggiori centri dell’appenino centrale, da Roccaraso a Ovindoli, da Rocca di Mezzo/Campo Felice a Campo Imperatore/Assergi, ha risposto immediatamente mettendo in campo mezzi e uomini specificamente addestrati, pronti a far fronte alle evenienze di soccorso e vigilanza sulle piste. 

I comandanti delle stazioni interessate, rispettando un preciso protocollo di intervento anche in considerazione dell’emergenza sanitaria del momento, hanno ascoltato le esigenze di tutti i rappresentanti dei settori coinvolti affinché la stagione invernale possa svolgersi nel migliore dei modi. 

Preminente per i militari dell’Arma rimane, però, l’azione di soccorso sulle piste, quindi il controllo degli avventori e dei turisti anche in relazione al possesso del green pass base, obbligatorio per accedere agli impianti di risalita. Per stazionare nei punti di ristoro dislocati in quota è invece necessario il possesso del super green pass. 

I compiti dei carabinieri si rivelano dunque più impegnativi rispetto agli anni scorsi, essendo chiamati a far rispettare la normativa emergenziale. Importante anche il profilo delle possibili falsità delle attestazioni da esibire a richiesta di tutti gli operatori legittimati a farlo.                    

Nei prossimi giorni, con le stesse modalità operative, in concomitanza delle aperture delle stazioni invernali di Pescasseroli e altri centri minori della provincia, verranno approntati servizi simili da parte dei carabinieri territorialmente competenti.