Rincari pedaggi autostradali A24 e A25, il 19 settembre protesta a Roma



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Carsoli – Dopo la tragedia del crollo del Ponte Morandi a Genova che ha provocato la morte di 43 persone, la mobilitazione prevista il 19 settembre prossimo a Roma per protestare contro il rincaro dei pedaggi autostradali ha un peso diverso.

I Sindaci e gli Amministratori delle Regioni Lazio e Abruzzo hanno deciso, lo scorso 06  agosto a Carsoli, di manifestare dinanzi al piazzale del Ministero dei Trasporti a Roma.

La protesta riguarda il mancato rispetto degli impegni inizialmente assunti dal MIT. Il Ministero infatti nel 2017 si era impegnato a non far ricadere sugli utenti i costi della messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25 con un ingiusto aumento delle tariffe bloccandole al 31.12.2017.

Le tariffe, dal primo gennaio 2018, sono state invece incrementate del 12,79 per cento, una percentuale di gran lunga superiore rispetto alla media nazionale dei rincari che è pari al 2,74 per cento.

I Sindaci e gli Amministratori, che il 19 settembre porteranno il lutto al braccio e osserveranno un minuto di silenzio per ricordare tutte le vittime di Genova, dichiarano di andare avanti nella loro protesta fino a quando il Ministero deciderà di dare un concreto riscontro alle loro richieste. Si terranno anche dei presidi presso tutti i caselli della A24-A25, ci saranno proposte di emendamenti alla prossima legge di stabilità ed azioni giudiziarie.

Una grande manifestazione alla quale sono invitati cittadini, parlamentari abruzzesi, consiglieri a ogni livello e di ogni colore politico, organizzazioni sindacali e associazioni interessate.

Rincari pedaggi autostradali A24 e A25, il 19 settembre protesta a Roma




Lascia un commento