Raccolta firme sulla Farmacia scomparsa di Cappadocia, Lilli: «Ecco le prove dei fatti e non delle chiacchiere»


Cappadocia. Riceviamo e pubblichiamo dall’ex sindaco di Cappadocia Lucilla Lilli.

Raccolta firme sulla Farmacia di Cappadocia. Vietato strumentalizzare politicamente una questione di così alta serietà per la cura e la tutela della salute della cittadinanza locale. Questa la logica che sta alla base della presa di posizione ferrea da parte di Lucilla Lilli, ex sindaco del Comune marsicano interessato e candidata alle prossime elezioni amministrative di giugno.

«La Farmacia di Cappadocia  – afferma – ha chiuso i battenti 4 mesi fa, lasciando molti utenti nello sconforto generale. Il disagio riscontrato di non avere una risposta immediata alle quotidiane esigenze di salute, espresse da parte di molti concittadini, mi ha spinto a sollecitare il Commissario prefettizio per una immediata risoluzione del problema. Il dispensario farmaceutico obbligatorio attivato dalla Regione Abruzzo con la farmacia di Castellafiume, non è una risposta adeguata alle nostre esigenze. Proprio per questo, per sollecitare, cioè, l’immediata riapertura della farmacia presso i locali comunali che sono tutt’ora a disposizione, nei giorni scorsi mi sono attivata presso l’Ordine Provinciale dei Farmacisti e presso il Servizio Farmaceutico regionale», dice.

«Ho anche raccolto – continua – una cinquantina di firme di cittadini esasperati da questo disagio, le quali sono state, per giunta, depositate in Comune. Parallelamente, ho chiesto al Commissario Prefettizio di avviare gli atti necessari per risolvere al più presto la problematica, anche in vista della stagione turistica oramai alle porte. Oggi leggo sulla stampa, invece, che qualcuno si è rivolto al consigliere regionale Lorenzo Berardinetti per lo stesso problema. Mi sembra che si voglia cavalcare unicamente la protesta in maniera strumentale e prettamente politica. Non condivido il metodo: c’è un iter amministrativo da seguire e credo che un atto dovuto da parte della Regione non ci debba essere presentato come un “favore” della politica».

«Io mi ero mossa – conclude, infine, Lilli – come cittadino e nell’interesse prioritario dei cittadini; del mio impegno, di fatti, non avevo dato comunicazione alla stampa perché mia premura non è stata la campagna elettorale. Visti i fatti, però, ho ritenuto necessario scrivere queste precisazioni in una nota. Se il consigliere Berardinetti vorrà interessarsi alla vicenda, io sono pronta a trasmettergli tutte le richieste che ho già inoltrato agli uffici competenti».

 

A Cappadocia chiude la farmacia, disagi per le fasce deboli della società. Berardinetti: “Verificherò iter amministrativo”


Invito alla lettura

Ultim'ora

Non bisogna approfittarsi della buona fede dei marsicani, la Polizia Locale Marsicana sanziona 6 negozi

Avezzano / Celano – La Polizia Locale della Marsica ha eseguito un approfondito monitoraggio della rete distributiva commerciale in sede fissa di Avezzano e Celano, finalizzato al contrasto di illeciti ...


Aggredito ed investito un artigiano di Avezzano: assicurati alla giustizia gli autori del grave episodio

Avezzano – Come già riportato dalla stampa nei giorni scorsi, nella serata del primo agosto, dopo una lite scaturita da futili motivi per problemi di ...

Sold Out Per Fabrizio Moro al Tagliacozzo Festival

La Mia Voce Tour 2022

Gino Bucci alias L’abruzzese Fuori Sede al Tagliacozzo Festival per la presentazione di Rime Toscibili

Tagliacozzo – Appuntamento da non perdere domani pomeriggio alle 18 con i pomeriggi letterari del Festival Internazionale di Mezza Estate. Gino Bucci, alias L’abruzzese Fuori ...

Università: rimborso spese fino a 3mila euro per ogni studente. Al via le domande

La Regione Abruzzo contribuirà al pagamento delle tasse per i corsi universitari, per i master di primo e secondo livello e per i corsi di ...



Lascia un commento